Acr, Maccarrone entra in diffida. Catania, quattro squalificati

 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 335 volte
Finizio (Casertana)
© foto di Giuseppe Scialla
Finizio (Casertana)

Nessuno squalificato tra le fila di Messina e Reggina per il Derby dello Stretto, in programma domani allo stadio San Filippo. Il Giudice sportivo di Lega Pro ha fermato per un turno quattordici calciatori, quattro dei quali del Catania (Bastrini, Biagianti, Nava, Sala Gil), azzoppato per la sfida interna con la Fidelis Andria, che dal canto suo non avrà Cruz.

Per il Messina da registrare l'ingresso in diffida di Giordano Maccarrone, al quarto giallo stagionale.

Gli squalificati
Una gara: Riggio (Akragas), Finizio (Casertana), Bastrini, Biagianti, Nava, Sala Gil (Catania), Cruz (Fidelis Andria), Empereur (Foggia), Signorini (Fondi), Armellino (Matera), Alcibiade (Paganese), Turati (Siracusa), De Giorgi (Taranto), Biason (Virtus Francavilla)

Ammende
€ 5.000,00 al Siracusa "perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere, lanciandoli nel settore occupato dai tifosi ospiti, sette petardi di notevole potenza, senza conseguenze";
€ 3.500,00 alla Juve Stabia "perché propri sostenitori durante la gara indirizzavano verso tesserati della squadra avversaria presenti in panchina reiterate frasi offensive e numerosi sputi due dei quali raggiungevano un calciatore appena sostituito";
€ 3.500,00 al Lecce "perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nella pista di atletica una bomba carta, senza conseguenze (seconda recidiva)";
€ 3.000,00 al Cosenza "perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere alcune bombe carta, una delle quali veniva lanciata nel recinto di gioco, senza conseguenze";
€ 2.500,00 al Catanzaro "perché propri sostenitori in campo avverso introducevano e facevano esplodere alcune bombe carta, una delle quali veniva lanciata nel recinto di gioco, senza conseguenze";
€ 1.500,00 alla Fidelis Andria "perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore due petardi, senza conseguenze";
€ 500,00 alla Virtus Francavilla "per indebita presenza negli spogliatoi di persone non identificate, ma riconducibili alla società";
€ 500,00 alla Paganese "per indebita presenza negli spogliatoi di persone non identificate, ma riconducibili alla società"