Bruno sprona il gruppo: "Messina, tira fuori la dignità". Ok Cristiani

Il difensore è intervenuto in conferenza stampa con l'allenatore Rando: "Siamo il peggior avversario di noi stessi, non c'è spazio per le emozioni". Si passa al 4-3-3, l'ex Como c'è
21.09.2019 18:01 di Antonio Billè Twitter:    Vedi letture
Francesco Bruno
Francesco Bruno

È il Castrovillari di Sasà Marra il primo avversario che Pasquale Rando si troverà di fronte da allenatore di un Acr Messina, alla ricerca di una svolta sostanziale, dopo l’inizio shock che ha portato all’esonero di Michele Cazzarò. Per Rando, però, non ci sarà tempo per emozionarsi: “Adesso bisogna solo dare la carica ai ragazzi e ribaltare questa situazione. Abbiamo lavorato benissimo in questi giorni e non vediamo l’ora che inizi la partita. Sasà Marra è un allenatore che stimo tantissimo, ma ho detto ai ragazzi sin dal primo giorno che il primo avversario siamo noi stessi, daremo le giuste attenzioni al Castrovillari che ha dimostrato di essere una buona, ma dobbiamo pensare solo a noi, uscire la qualità che abbiamo e iniziare a dare qualche soddisfazione alla gente”.

Sarà un Messina che cambierà anche sul piano tattico, perché Rando, da sempre estimatore del 4-3-3, ama formazioni che vivano di strappi e di grande intensità a tutto campo. Due caratteristiche che poco si sposano con quanto mostrato fin qui dai biancoscudati, ma una grossa mano potrebbe arrivare dal pieno recupero di Alessio Cristiani, in gruppo già da due giorni e pronto per scendere in campo dal primo minuto: “Valuteremo se rischiarlo o meno dall’inizio - dice però Rando - e deciderò tutto negli ultimi istanti perché abbiamo provato varie soluzioni”. Nel tridente d’attacco, poi, ci sarà spazio solo per uno tra Coralli e Siclari, con gli altri due posti affidati a capitan Crucitti e all’under Orlando.

In difesa, scontato il turno di squalifica, torna Fragapane, mentre al centro Francesco Bruno dovrebbe far coppia con Ungaro. Il campano, salutato Cazzarò, trova un allenatore che per idee somiglia tanto a quel Giacomo Modica che lo ha guidato nella sua precedente esperienza messinese: “È vero, hanno concetti simili, ma in questo momento i moduli non contano - afferma - perché bisogna tirare fuori la dignità e importa solo vincere. Sono arrivato da poco, ho visto un gruppo compatto e sono orgoglioso di far parte di questa famiglia, manca solo la scintilla che faccia scattare questa squadra in campo”.

La probabile formazione:
Avella; De Meio, Bruno, Ungaro, Fragapane; Saverino, Ott Vale, Cristiani; Crucitti, Coralli, Orlando

L’elenco dei convocati:
Portieri: Avella (2000), Pozzi (2000)
Difensori: Bruno, De Meio (2000), Forte, Fragapane, Giordano, Nardelli (2001), Strumbo (2000), Ungaro
Centrocampisti: Bonasera (2001), Buono (’99), Capilli (2002), Cristiani, Crucitti, Ott Vale, Saverino (2001)
Attaccanti: Cafarella (2001), Coralli, Orlando (2001), Siclari, Suma (2000)