Calvario senza fine. Messina sconfitto anche dalla Sancataldese

Non basta una prova volenterosa ai biancoscudati, ko 1-0 per il fortunoso gol di Costanzo. Palesati i soliti limiti offensivi in un secondo tempo in cui non c'è stata una reazione degna di nota
16.12.2018 14:32 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 6752 volte
Calvario senza fine. Messina sconfitto anche dalla Sancataldese

Almeno un paio di novità nel Messina che in casa della Sancataldese va a caccia del secondo successo esterno consecutivo e, in generale, del quarto risultato utile di fila. Biagioni, che deve fare a meno dello squalificato Arcidiacono, ridisegna il suo 4-3-3 facendo esordire dal primo minuto i neoacquisti Ferrante e Amadio (’99). L’ex difensore dell’Igea Virtus si schiera al fianco di Zappalà, con la difesa, davanti a Lourencon, completata dai terzini Biondi (’99) e Barbera (2001). L’under romano ufficializzato nella giornata di ieri, invece, forma il trio di centrocampo insieme agli esperti Genevier e Janse. Davanti confermata la presenza di Catalano e Cocimano ai lati di Tedesco (’98). Panchina per Traditi e i nuovi innesti Selvaggio e Aldovrandi (’99).

La cronaca
Primo tempo
: Messina propositivo in avvio che crea due potenziali occasioni da rete, ma la difesa della Sancataldese si salva, seppur in affanno. Rispondono i locali con Bruno prima e Ficarrotta poi, ma Lourencon risponde sempre presente. Prendono coraggio i verdeamaranto, ma ancora le opportunità, da una parte e dall'altro, non sono così eclatanti. I ritmi non sembrano così elevati, il Messina ci prova senza sorte con Catalano e al 23' serve un ottimo intervento di Franza per deviare in corner la conclusione di Cocimano. Sul seguente tiro dalla bandierina, si innesca un clamoroso contropiede della Sancataldese chiuso da un tiro a giro di Montalbano che si stampa sul palo. Il punteggio si sblocca al 30': cross da fermo di Ficarrotta, Lourencon respinge sui piedi di Sicurella che chiama ancora il portiere brasiliano alla parata, si avventa sulla sfera Costanzo che svirgola il tiro al volo e manda la sfera sotto l'incrocio per il fortunoso vantaggio verdeamaranto. Pochi minuti dopo assolo di Ficarrotta, cross per Bruno che non trova la porta da posizione favorevole. Al 35' il Messina va vicinissimo al pareggio con un tocco d'astuzia di Barbera che anticipa Franza in uscita, ma manda la sfera solo sull'esterno della rete. Meriterebbero il pari gli ospiti, cui manca sempre il colpo finale: sono, infruttuosi, infatti, i tentativi di Tedesco, Zappalà e ancora Barbera a cavallo del 40'. Il primo tempo si chiude senza recupero, Sancataldese fortunata nel trovare il vantaggio in mischia, Messina che palesa i soliti limiti offensivi.

Secondo tempo: Si riparte senza sostituzioni. Il Messina attacca all'affannosa ricerca del pari, ma al 54' rischia su un errato disimpegno di Zappalà su cui si inserisce Costanzo, il cui tiro è bloccato senza patemi da Lourencon. Stessa sorte, due minuti dopo, per la conclusione di Tedesco. Molto più concreti i padroni di casa e al 59' serve un ottimo intervento di Lourencon per salvare la conclusione dal limite di Montalbano. Primo cambio tra le fila del Messina con Traditi che prende il posto di Janse, ma è ancora il portiere brasiliano a ergersi a protagonista con un doppio intervento su Rizzo e Sicurella. Sussulto del Messina al 65' con una punizione di Genevier che Franza respinge con un volo plastico. Aumenta la contestazione dei tifosi del Messina e al 73' Biagioni si gioca la carta Carini al posto di Amadio. Ospiti a un passo dal pareggio all'80': corner di Genevier, uscita a vuoto di Franza e colpo di testa puntuale di Zappalà che Calabrese salva sulla linea. Vengono concessi cinque minuti di recupero, ma il Messina non riesce a scalfire il muro della Sancataldese che al 93' si salva con Di Marco che chiude puntualmente sul cross basso di Cocimano. Con i classici mezzucci, i verdeamaranto perdono tempo e portano a casa un successo insperato dopo la settimana che aveva portato alle dimissioni del tecnico Mascara. Messina che non riesce a uscire dal tunnel nel quale si è cacciato in questa stagione e che paga l'ormai annosa sterilità offensiva e l'incapacità di reagire nei momenti complicati.

Sancataldese-Messina 1-0
Marcatori
: 30' pt Costanzo

Sancataldese: Franza, Florio, Rizzo (33' st Passanante), Calabrese, Di Marco, Costanzo (28' st Sessa), Bruno (43' st Mosca), Di Stefano, Sicurella (22' st Longo), Ficarrotta, Montalbano. A disposizione: Manno, Giarrusso, Vella, Galletti, Palermo. Allenatore: Manuel Milanesio.

Messina: Lourencon, Biondi, Barbera, Amadio (28' st Carini), Zappalà, Ferrante, Tedesco, Janse (14' st Traditi), Genevier, Cocimano, Catalano. A disposizione: Ragone, Bossa, Aldovrandi, Mbaye Ba, Selvaggio, Lundqvist, Meo. Allenatore: Oberdan Biagioni.

Arbitro: Niccolò Turrini di Firenze
Assistenti: Pietro Bennici e Francesco Bentivegna di Agrigento

Ammoniti: Di Stefano (S), Di Marco (S), Franza (S), Costanzo (S), Catalano (M)