Il Messina scopre il top player Franco Rao. Mister Cazzarò resta in sella

La medicina della giustizia sportiva per una squadra già in cura. Stavolta non ci saranno problemi di Pec o minuti di ritardo a rovinare i piani. Intanto il lungo summit societario premia il tecnico
10.09.2019 17:26 di Antonio Billè Twitter:    Vedi letture
Fonte: Tcf tv
Il Messina scopre il top player Franco Rao. Mister Cazzarò resta in sella

Michele Cazzarò resta al suo posto. Il lungo summit svolto a Giammoro tra la proprietà dell’Acr Messina e lo staff societario ha premiato la linea del ds Obbedio che non vede crollare il proprio progetto tecnico dopo appena due gare di campionato.

La panchina biancoscudata, diventata scottante dopo il ko rimediato sul campo con l’Acireale, resta così in mano all’ex tecnico del Taranto, anche se adesso non ci saranno più appelli o alibi, dopo un inizio di stagione disastroso che neanche il più pessimista dei tifosi avrebbe potuto immaginare, considerato il preciso lavoro svolto dalla società, sia nella costruzione dell’organigramma che nell’organizzazione dell’intero precampionato.

La realtà, però, parla di 0 punti in classifica, un solo gol segnato, dall’ultimo arrivato Cristiani, e quattro subiti. Al di là dei freddi numeri, già di per sé impietosi, va aggiunta una totale assenza di una manovra quantomeno fluida e la capacità di innescare delle punte dal curriculum glorioso, ma dal presente fin qui opaco.

Le buone notizie arriveranno però dal Giudice Sportivo che nelle prossime settimane darà ragione al top player delle scrivanie Franco Rao, segretario del club e grande conoscitore di regole e cavilli legali. Non dovrebbero esserci impedimenti di sorta all’ottenimento del successo a tavolino contro l'Acireale, reo di aver schierato dal primo minuto nella gara di domenica l’ex Città di Messina Francesco Cannino, che nell'ultima partita giocata con la juniores giallorossa lo scorso maggio (e persa 5-2 con l’Avellino), rimediò due turni di squalifica. Uno scontato nel match ritorno disputato al Partenio, l'altro ancora pendente perché l’esterno è stato schiarato da titolare al debutto con la Palmese, nell'indifferenza della società calabrese.

Rao ha colto la palla al balzo e il Messina ha già presentato il proprio preannuncio di reclamo. La medicina della giustizia sportiva per una squadra che appare già in cura e stavolta non dovrebbero esserci sorprese rispetto a quanto accaduto nella scorsa stagione: la casella Pec dell’Acr non sarà colma e non ci saranno altri 12 fatali minuti di ritardo