Madonia-Mili, il Messina rimonta il Camaro in amichevole

Non la migliore prova per i giallorossi, che chiudono sotto il primo tempo (rigore di Mondello) ma con i titolari nella ripresa ribaltano e chiudono sul 3-1
 di Gregorio Parisi Twitter:   articolo letto 1202 volte
Il rigore di Mondello
Il rigore di Mondello

Sgambata tra luci e ombre al San Filippo per il Messina di Lucarelli, che ha affrontato e sconfitto in amichevole il Camaro (capolista del girone C di Promozione) con un 3-1 in rimonta che può dare qualche segnale importante al tecnico toscano in vista delle ultime tre gare dell'anno e, specialmente, in vista del mercato di gennaio in cui tanti elementi verosimilmente lasceranno la squadra.

Il primo tempo vede un Messina, infatti, imbottito di seconde linee che si scontrano contro la formazione migliore per il Camaro; entrambe le squadre si schierano con il 4-3-3, per i giallorossi linea difensiva composta da Ionut, Fusca, Mileto e Marseglia davanti a Russo, centrocampo con Bramati, Ricozzi e Akrapovic e trio d'attacco con Saitta, Gaetano e Rafati. I neroverdi di mister Furnari rispondono con Fiorito tra i pali, Cappello, Morabito, Giglio e Mondello in difesa, Munafò play con Zappalà e Visconti mezzali e il trio d'attacco composto da Bonamonte, Brigandì e Princi.

La gara è da subito viva e giocata alla pari dalle due formazioni: ci prova prima il Camaro con Brigandì che non trova l'attimo giusto per la conclusione, rispondono i giallorossi con Saitta (il più positivo nel Messina del primo tempo) con una botta alta. Al 18' il Camaro passa con Mondello che spiazza Russo dal dischetto; il rigore era stato causato da un tocco di mano di Marseglia su cross di Cappello, uno dei migliori in campo. La risposta del Messina è affidata a lampi estemporanei, con Ricozzi che calcia alto e Saitta, ancora lui, che impegna un Fiorito bravo a rispondere di istinto sul colpo di testa dell'esterno di Lucarelli. L'ultima occasione della prima frazione è un rasoterra fuori di Marseglia su punizione.

Il secondo tempo vede un Messina cambiato in toto con Berardi in porta, Palumbo, Maccarrone, Bruno e De Vito in difesa, Foresta, Mancini e Nardini a centrocampo e il trio d'attacco composto da Milinkovic, Madonia e Ferri. In panchina Pozzebon. Il Messina raggiunge il pari subito con Madonia che mette alle spalle di Fiorito su cross di Milinkovic. Il gol non fa comunque cambiare marcia ai giallorossi, ora più brillanti ma sempre ben affrontati dagli ospiti, che nell'intervallo hanno inserito otto calciatori freschi (un paio giovanissimi) e al centro della difesa si schierano con Cappello-Campo, entrambi adattati. Ci prova Milinkovic sempre nei primissimi minuti ma il tiro viene deviato in corner da un difensore e la stessa sorte tocca a La Rocca, il cui tiro viene smorzato. Cresce il Messina, vicino al gol con Foresta al 14' (tocco di destro fuori) e Madonia, che un minuto più tardi trova l'ottima risposta di Fiorito sul suo colpo di testa. Poche occasioni fino al 28' quando il Messina passa con Milinkovic, primo ad arrivare sul pallone dopo una respinta corta di Fiorito su un traversone dalla sinistra e bravo a trovare il 2-1. Il Camaro è stanco ma prova a tornare in partita, però Paludetti calcia a lato al 42' anziché servire un compagno libero sulla sinistra. Allo scadere arriva anche il 3-1, firmato ancora da Madonia con un bel destro da fuori che batte il classe '99 Terranova.

Messina-Camaro 3-1
Marcatori: 18' pt rig. Mondello (C), 2' st Madonia, 28' st Milinkovic, 45' st Madonia 

Primo tempo
Messina: Russo; Ionut, Fusca, Mileto, Marseglia; Bramati, Ricozzi, Akrapovic; Saitta, Gaetano, Rafati.
Camaro: Fiorito, Cappello, Mondello, Munafò, Morabito, Giglio (42' pt Campo), Bonamonte, Zappalà, Brigandì, Princi, Visconti.

Secondo tempo
Messina: Berardi; Palumbo, Maccarrone, Bruno, De Vito; Foresta, Mancini, Nardini; Milinkovic, Madonia, Ferri.
Camaro: Fiorito (32' st Terranova), G. Russo (29' st Morabito), Comandè, Munafò (20' st Visconti), Cappello, Campo, Paludetti, Calogero, La Rocca, Colucci (32' st Sturniolo), Marabello.