Messina, Rabbeni: “Sfideremo il Bari con calma e consapevolezza”

L’attaccante presenta l'esordio in campionato con la corazzata pugliese: “Affrontiamo i loro grandi nomi con la coesione del nostro gruppo. Testa, gambe, intensità e fortuna: si vince così"
12.09.2018 15:44 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 409 volte
Messina, Rabbeni: “Sfideremo il Bari con calma e consapevolezza”

Calma e gioco di squadra. La ricetta che Luciano Rabbeni individua in vista dell’esordio in campionato con il Bari è tanto semplice quanto efficace. Il Messina, dopo le due vittoriose uscite in Coppa Italia contro Igea Virtus e Città di Messina, è pronto a tuffarsi nella lunga avventura della nuova Serie D e l’impatto sarà proprio contro la corazzata pugliese: “Dobbiamo restare calmi - afferma l’attaccante - presentarci nella miglior condizione possibile e dare tutto quello che abbiamo. Solo così potremmo regalare una gioia importante ai nostri tifosi”.

Ai grandi nomi proposti dal Bari, il Messina anteporrà gioco di squadra e unità di intenti, consapevole che anche in biancoscudato si vedranno individualità di buon livello: “Il gruppo è la cosa principale - prosegue Rabbeni - perché, al di là dei nomi, si fa avanti solo se c’è la giusta coesione. Loro hanno calciatori molto forti, ma noi non siamo da meno. Le due vittorie maturate in Coppa ci danno morale e ci aiutano a lavorare meglio: due ingredienti che ci fanno presentare al meglio a questa gara”.

Il Messina è ancora in costruzione, in serata è previsto l’arrivo di Genevier e in settimana si attendono ulteriori innesti per rimpolpare l’organico a disposizione di Infantino. Arriverà un altro giocatore proprio in attacco, un reparto già interessante con Rabbeni che sta affinando l’intesa con Gambino e Petrilli: “Innanzitutto facciamo affidamento su una difesa solida - afferma l’ex Sicula Leonzio - e nell’arco dei 90’ sappiamo che possiamo sempre trovare la via del gol, perché Gambino e Petrilli possono fare la differenza e trovare la giocata giusta in ogni momento. La testa e le gambe faranno la differenza, giocheremo con intensità sperando anche di avere un pizzico di fortuna, che non fa mai male. Mercato? Siamo già forti e anche i nostri under sono buoni: penso a Biondi che di fatto non lo è perché ha già tanta esperienza”.