Rando: "Vincere per società e tifosi". Out Bruno e Coralli, c'è Cristiani

La gara col Football Club Messina presentata dal coach dei biancoscudati: "Siamo il nostro primo avversario. Fc e Città di Messina? Realtà diverse"
02.11.2019 16:58 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Rando: "Vincere per società e tifosi". Out Bruno e Coralli, c'è Cristiani

È vigilia in casa Messina in vista della sfida di domani contro il Football Club Messina, in quella che "non sarebbe onesto definire una partita come tutte le altre", come esordisce Pasquale Rando nel pre-gara. "È importante perché vogliamo regalare una prestazione importante a società e tifosi, che ci hanno sempre fatto sentire la loro presenza". Di fronte, una compagine che secondo Rando è "tra le migliori del campionato, con un allenatore che fa giocare bene la squadra; l'unico timore che ho, però, sono i miei giocatori: come ci diciamo sempre, il nostro primo avversario siamo noi stessi. Dobbiamo mettere in campo tutti le componenti che abbiamo per fare una partita importante". 

Passato importante sulla panchina del Città di Messina per Rando, "realtà però diverse: ero legato alla società di Conti Nibali e De Leo, non me ne voglia Arena ma a quattr'occhi, e parlo da tifoso, gli ho detto che per fare calcio a Messina doveva pensare all'Acr". Sulla panchina avversaria, invece, traballa mister Costantino: "Il calcio non sempre ha una logica - prosegue Rando -, non basta essere bravi e preparati, dipende tutto dai risultati. In questo mondo non esiste sempre la meritocrazia". L'ultima polemica in casa biancoscudata, invece, riguarda l'addio del professore Saffioti: "Ha scelto il modo sbagliator per uscire di scena - ribatte sicuro Rando -, io non litigo mai con nessuno, sono nel calcio da trentasette anni. Se lui pensa di fare il capo attore ha sbagliato personaggio: siamo dilettanti ma ognuno deve pensare al proprio settore, senza invadere il campo degli altri. Avevo voluto io che restasse in squadra dopo Cazzarò, avrò sbagliato valutazione".

RITORNI E ASSENZE - Mancheranno Coralli, influenzato, e Bruno; rientra invece Cristiani: "Francesco ha avuto un problema muscolare a Licata, Alessio per noi è davvero importante. Non sono frasi fatte, però, ma in organico ho giocatori che non faranno rimpiangere le assenze". Niente difesa over probabilmente: "In organico ho la possibilità di variare molto, a Licata dal punto di vista difensivo abbiamo fatto molto bene, come anche in avanti. Ci manca qualcosa che ci è stato negato".

LA PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Avella; De Meio, Giordano, Ungaro, Fragapane; Saverino, Ott Vale, Cristiani; Crucitti, Esposito, Orlando

I CONVOCATI:
Portieri: Michele Avella, Alessio Pozzi.
Difensori: Francesco Barbera, Vincenzo De Meio, Francesco Forte, Alessandro Fragapane, Antonello Giordano, Domenico Strumbo, Gaetano Ungaro.
Centrocampisti: Giuseppe Bonasera, Francesco Buono, Nicolò Capilli, Alessio Cristiani, Facundo Ott Vale, Gianluca Sampietro, Francesco Saverino.
Attaccanti: Angelo Cafarella, Antonio Crucitti, Gennaro Esposito, Francesco Orlando, Giuseppe Siclari