Ripescaggio, una rivale in meno per il Messina. Sciotto faccia chiarezza

La vittoria della Vibonese nello spareggio con il Troina regala qualche chance in più ai peloritani. Il presidente, che dovrebbe confermare mister Modica e il ds Lamazza, è chiamato a diradare le nubi
14.05.2018 15:19 di Antonio Billè Twitter:   articolo letto 5950 volte
Ripescaggio, una rivale in meno per il Messina. Sciotto faccia chiarezza

Il rigore con cui l’argentino Alan Arario ha mandato la Vibonese in Serie C a discapito del Troina, potrebbe rappresentare una buona notizia anche per il Messina. Lo spareggio del Granillo, notevolmente condizionato dalle decisioni arbitrali (ai siciliani è stato annullato un gol regolarissimo al 110’), ha regalato il ritorno tra i professionisti ai calabresi che hanno vissuto un’annata incredibile, piombando tra i dilettanti quando, invece, avrebbero meritato di giocare nuovamente in terza serie.

Adesso, se il presidente del Messina Pietro Sciotto dovesse confermare l’intenzione di tentare il ripescaggio, si troverebbe di fronte un avversario in meno. La Vibonese, infatti, era una delle rivali più temibili in un discorso relativo alla promozione a tavolino, per cui non resta che attendere l’ufficialità dei criteri stessi sul ripescaggio da parte della Lega calcio. Cui seguiranno regolamenti vari, graduatorie, ipotesi Squadre B e mancate iscrizioni di altre società. Sarà la solita estate caldissima alla quale il tifoso messinese è ormai abituato.

Il primo passo, però, lo dovrà fare proprio Pietro Sciotto, affrontando il capitolo relativo alla conferma dello staff tecnico e alla costruzione di un organico altamente competitivo. Mister Modica e il ds Lamazza sono a un passo dalla firma e, dopo l’annata vissuta da protagonisti in sella al Messina, rappresentano basi solide da cui ripartire per dare solidità all’intero progetto di rilancio. In settimana sono attesi comunicati stampa e quella conferenza rimandata nei giorni scorsi: Sciotto potrebbe diradare le nubi e programmare con professionalità e lungimiranza la nuova stagione, soprattutto perché, dopo una stagione vissuta sulle montagne russe e con poche soddisfazioni, l’attesa dei tifosi si fa sempre più crescente.