Ischia-Messina, i precedenti: domina il segno "X"

 di Marco Boncoddo Twitter:   articolo letto 376 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Ischia-Messina, i precedenti: domina il segno "X"

Dopo la tempesta, solitamente, giunge la quiete a rasserenare ambiente e popolazione. In casa Messina, però, sembra che le acque siano rimaste agitate dopo la raffica di gol subiti dal Benevento. La situazione interna, infatti, appare scossa da numerose querelle, in primis quella del mister Di Napoli ed il diverbio tra Stracuzzi e Berardi. Barcamenandosi tra le varie problematiche, però, i biancoscudati dovranno provare a preparare la delicata trasferta di Ischia, contro una delle pericolanti del campionato.

La storia delle sfide tra Ischia e Messina, nonostante si tratti di una costante degli ultimi anni, è relativamente giovane. Il primo della match della serie, infatti, andò in scena nella serie C1 1992-93, ovvero nel corso dell'ultimo campionato professionistico disputato dall’Acr Messina, prima del doloroso fallimento. Nell’ultima giornata di campionato, i giallorossi di Colomban strapparono un prezioso 0-0 al "Mazzella", che sancì la retrocessione dei campani e la salvezza del Messina. I biancoscudati, salvatisi sul campo, persero però il professionismo poche settimane dopo, a causa della mancata iscrizione della società da parte di Massimino. Al posto del Messina, ironia della sorte, venne ripescata proprio l'Ischia, che si ritrovò nuovamente ai nastri di partenza del campionato di C1 1993-94.

Nella II divisione di LegaPro 2013/14, invece, si disputò il secondo incontro della storia, terminato anch’esso con il segno X. La formazione di Grassadonia, passata in vantaggio grazie al solito Pedro Costa Ferreira, si fece raggiungere a 2 minuti dalla fine dalla rete di Austoni. Alla fine del campionato, però, entrambe le compagini isolane vennero ammesse alla serie superiore.

L’ultima sfida, come molti ricorderanno, venne giocata il 7 dicembre 2014. Neanche a dirlo, la gara si concluse sul risultato di parità. Ischia e Messina, infatti, dopo una gara scoppiettante, terminarono il match sul risultato di 2-2, in virtù della doppietta di Ciotola e delle reti peloritane di Altobello e Bjelanovic. Di certo, negli incontri tra Messina e Ischia Isolaverde, è il segno di parità a farla da padrona. Se consideriamo le otto sfide ufficiali, disputate su entrambi i campi, infatti, registriamo una vittoria del Messina e ben sette pareggi.

La statistica, insomma, preannuncia un nulla di fatto in terra campana ma il Messina, in crisi di risultati a parte la vittoria casalinga con il Martina, ha bisogno di conquistare l’intera posta in palio per trascinarsi fuori dal fortunale nel quale è finito. Ancora una volta, pertanto, i ragazzi di Di Napoli dovranno provare a schermarsi dalle vicende extra calcistiche per concentrarsi interamente sul manto erboso del "Mazzella".

ISCHIA – LA SCHEDA

ANNO DI FONDAZIONE: 1922 (Rifondata nel 1960 e nel 1998)
MIGLIOR RISULTATO: 5° posto in C1 (1991-92)
CLASSIFICA ATTUALE: 16° posto con 15 punti
SERIE UTILE: 1 vittoria e 4 pareggi tra la VIII e la XII giornata
CAPOCANNONIERI: Kanoute (5 reti)