Messina-Troina: un solo pareggio tra le due formazioni

Nella scorsa stagione, giallorossi e rossoblu conclusero il match sul risultato di 2-2
30.11.2018 11:00 di Marco Boncoddo Twitter:   articolo letto 98 volte
Messina-Troina: un solo pareggio tra le due formazioni

L’incommentabile sconfitta di Palmi, ultima di un vergognoso trittico nel quale il Messina ha subito sette reti segnandone solo due, ha sollevato un’incredibile ridda di polemiche, nei pochi innamorati che seguono ancora le sorti della derelitta squadra di Sciotto. Oltre ai tifosi, infatti, si è fatto sentire anche Alessandro Faranda, amministratore della Fontalba, principale sponsor dei peloritani. L’imprenditore, senza nessun giro di parole, ha parlato di “gestione fallimentare” e “visione miope”, riscuotendo il plauso della tifoseria biancoscudata e degli addetti ai lavori.

Nell’imbarazzo generale, i vertici del Messina sono riusciti a partorire soltanto uno stringato comunicato, auspicando e promettendo un serio cambio di rotta. Inversione di tenedenza che dovrà, nei fatti, concretizzarsi dal prossimo match, in programma allo Scoglio domenica prossima, contro il tentennante Troina. La squadra della provincia di Enna, dopo i fasti dello scorso campionato, sta procedendo a strattoni, alternando buone prove a cadute improvvise. In ogni caso, il percorso dei rossoblu, appare sicuramente superiore a quello degli uomini di Biagioni, che in classifica precedono solamente Rotonda ed Igea Virtus.

Esiste un solo precedente tra le due squadre, giocato il 22 ottobre dello scorso anno. In quell’occasione biancoscudati ed ennesi impattarono sul risultato di 2-2, al termine di una sfida divertente e ben giocata da ambo le parti. Ad aprire le marcature, al 10’, ci pensò Rosafio, con un calcio di punizione non trattenuto dal portiere Van Brussel. I giallorossi, nella mezz’ora successiva, fallirono il 2-0 in diverse occasioni, prima di subire il pareggio di Souarè. Storditi dall’inaspettata rete del Troina, gli uomini di Modica dovettero incassare il sorpasso degli ospiti, firmato da Silvestri. A riequilibrare le sorti del match fu Lia, che riuscì a beffare l’estremo difensore rossublu con un astuto pallonetto.