Castelbuono-Città di S.Agata si gioca al "Nuovo Comunale" di Rocca

I biancoazzurri scenderanno in campo, dopo il rinvio di domenica, con l'obiettivo di tenere il passo di Licata e Canicattì, che hanno vinto i rispettivi impegni
08.01.2019 11:24 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 182 volte
Fonte: www.cittadisantagata.it
Il capitano Zingales
Il capitano Zingales

Parte domami con il recupero della 16? giornata il girone di ritorno del Città di Sant’Agata, che con calcio d’inizio alle 14.30, al Nuovo Comunale di Rocca di Caprileone, affronterà il Castelbuono.
Riparte da Rocca quindi la rincorsa alle battistrada Licata e Canicattì che domenica scorsa vincendo i rispettivi match contro Alcamo e Mussomeli, hanno allungato. L’imperativo categorico in casa biancoazzurra è quello di centrare i tre punti e riportare lo svantaggio a -6 dal Licata e -5 dal Canicattì. Insomma vietato sbagliare, così come accadde all’esordio in campionato. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata e tanti protagonisti saranno nuovi.

Il pronostico, dando uno sguardo alla classifica, è dalla parte di Zingales e compagni che però non dovranno incappare nell’errore di sottovalutare la partita, anche perchè questo girone A è parecchio tosto, per ulteriori informazioni chiedere a Licata e Canicattì che pur vincendo domenica scorsa, hanno dovuto faticare parecchio contro squadre che non figurano nei quartieri alti della graduatoria. Guai a dare tutto per scontato. E lo sa bene un tecnico esperto come Antonio Venuto, che sta preparando in maniera minuziosa la gara.
Sarà un Sant’Agata profondamente rinnovato rispetto a quello che ha chiuso il girone di andata, perchè in questa pausa gli ultimi arrivati hanno avuto modo di integrarsi al meglio con il resto del gruppo.

Stando anche alle ultime esercitazioni tattiche, si dovrebbe ripartire dal collaudato 4-3-3, anche se in più circostanze mister Venuto ha provato il 4-2-3-1. Per quanto riguarda il match con il Castelbuono, tutta la rosa, ed è la prima volta in questa stagione, è a disposizione del tecnico, che avrà quindi al proprio arco molte più frecce rispetto al passato, quando spesso ha mandato in campo un 11 quasi “obbligato”.

In porta ci sarà Ingrassia. In difesa la linea a quattro prevede lo juniores Scaffidi a destra, capitan Zingales sulla corsia opposta. Il quartetto verrà completato dai centrali Tricamo e Bontempo. In mezzo al campo in cabina di regia Piyuka, nel ruolo di mezz’ali Gatto e Saverino. Abbondanza in attacco, dove sono in cinque a contendersi le tre maglie da titolari. L’impressione è che si vada verso il tridente composto da Biondo, Cicirello Lo Giudice, ma potrebbe esserci qualche sorpresa dell’ultima ora.
Il match sarà diretto da una terna facente parte della sezione del capoluogo, arbitro Gianluca Li Vigni, assistenti Roberto Cusimano e Giovanni Battista Citarda.