CdM, Cardullo: "Buona prova di squadra. Paternò? Serve giusto approccio"

Il dg giallorosso soddisfatto dopo il successo esterno di Adrano, ha analizzato il match e attende, adesso, il prossimo impegno casalingo contro il Paternò
 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 373 volte
CdM, Cardullo: "Buona prova di squadra. Paternò? Serve giusto approccio"

L’ultima vittoria esterna sul campo dello Sporting Adrano (0-2) ha lanciato il Città di Messina al terzo posto con 10 punti: un bottino di tutto rispetto per la matricola giallorossa che, messo da parte il ko interno contro il Caltagirone, ha saputo reagire con grinta conquistando 7 punti nelle ultime tre uscite: “Il risultato di domenica è stato un bel segnale, una vittoria che avremmo dovuto raggiungere con le buone o con le cattive. Ce lo auspicavamo tutti e fortunatamente ci siamo riusciti, ma, anche se con due rigori, abbiamo avuto tante occasioni per sbloccarla già prima”, ha commentato nel post gara il direttore generale Giovanni Cardullo.

Nelle dichiarazioni rilasciate all’ufficio stampa della società del presidente Lo Re, il dirigente ha analizzato l’andamento del match, nel quale il Città di Messina ha conquistato meritatamente i tre punti, ma non è riuscito a concretizzare le numerose palle gol: “Non abbiamo rischiato nulla dall’inizio alla fine della partita, se non in una ripartenza a fine primo tempo. Siamo stati padroni del campo ed è stata una buona prova da parte della squadra. I ragazzi devono capire che possono fare veramente bene in questo campionato”.

E sabato test sicuramente più impegnativo contro il Paternò, una delle migliori formazioni del girone B, ma che fin qui ha raccolto 8 punti: “Ora pensiamo al Paternò, ma tutte le settimane ci sono partite difficili da affrontare, perché il campionato è livellato. Il Paternò è, obiettivamente, una squadra che dovrebbe fare un campionato diverso rispetto alla classifica attuale. Noi – ha concluso Cardullo - ce la giocheremo con loro così come abbiamo fatto contro tutti in queste settimane. Dobbiamo avere il giusto atteggiamento e approccio alla gara, perché la squadra sa di avere delle potenzialità”.