Pistunina, salvezza rimandata. Il Paternò passa 1-0

Al "Garden Sport", in una gara poco spettacolare, gli etnei si impongono nell'unica grande occasione del match: il gol decisivo porta la firma di Guarnera
11.03.2018 15:04 di Antonio Billè Twitter:   articolo letto 778 volte
Pistunina, salvezza rimandata. Il Paternò passa 1-0

Il Pistunina vuole mettere in ghiaccio la salvezza diretta e, contro il Paternò, va alla caccia di quei punti che terrebbero a debita distanza sia il Caltagirone che il terzultimo posto in classifica, attualmente occupato a braccetto da Atletico Catania e Città di Ragusa. Al Garden Sport di Mili, i rossoneri dovranno fare a meno degli infortunati Chiglien e D’Angelo, per cui Raciti deve affrontare la solita emergenza difensiva. In casa Paternò, invece, rientrano Balsamo e Minutola, mentre non ci sarà Capozucchi (squalificato). Arbitra l’incontro il catanese Salerno.

Primo tempo: Dieci minuti di nulla a Mili Marina. Poco gioco ma partita subito nervosa e da registrare le prime ammonizioni dalla panchina per Castagna e Minutola per gli ospiti e Giacopello per i locali. Bisogna attendere 23' prima di vedere la prima vera azione della gara, con il Pistunina che si rammarica per una mancata girata in area di Ancione che cicca la sfera all'altezza del dischetto e, sul prosieguo, Di Maggio calcia a lato di poco. Gara fortemente condizionata dal nervosismo e dall'elevata posta in palio. Non mancano gli scontri duri e forse il signor Salerno sta provando a gestire il gioco utilizzando poco i cartellini. Al 41' squillo offensivo del Paternò con Trombino che calcia in diagonale e la palla esce di poco. Secondo cambio forzato del primo tempo, dopo la sostituzione del rossoblù Urso, anche il messinese Napoli è costretto a lasciate il campo per infortunio. Dentro Visconti, con Caldore che si sposta al fianco di Ardiri al centro ella difesa. Al 46' deve alzare bandiera bianca anche Grazioso, sostituito da Ghartey. L'arbitro concede otto minuti di recupero. Si chiude un primo tempo difficile da decifrare, in cui hanno regnato soprattutto proteste e nervosismo. Il Paternò probabilmente si attendeva un ambiente meno carico, ma il Pistunina deve ancora conquistare la salvezza matematica e non può alzare le mani dal manubrio.

Secondo tempo: Si riparte dallo 0-0 dei primi 45 minuti. Paternò in vantaggio al 6' con Guarnera che gira a rete un calcio d'angolo battuto dalla destra. Disattenzione difensiva del Pistunina, perché l'under rossoblù colpisce indisturbato al centro dell'area di rigore. Gestisce il gioco il Paternò con esperienza e maggiore cattiveria agonistica. Il Pistunina si segnala solo con una punizione alle stelle di Ardiri. Al 31' ci prova ancora da fermo il Pistunina, ma la punizione di D'Arrigo è respinta con un volo plastico da Caruso. Tre minuti dopo serve un prodigioso salvataggio in spaccata di Keita per impedire a Polat di correggere in rete un cross preciso di Miraglia. Non riesce a incidere il Pistunina e al 41' Miraglia sfiora il raddoppio,  sprecando da distanza ravvicinata l'invito di Viglianisi. Ancora Paternò pericoloso in contropiede, ma Vitale è attento nell'uscita su Castagna e sul tentativo da lontano di Minutola. Doppio intervento coi piedi del portiere rossonero. Vengono concessi conque minuti di recupero. Tredici totali, considerando gli otto assegnati nel primo tempo. Finisce 0-1, decide un gol su palla inattiva nell'unica vera occasione della gara, nata peraltro su una netta disattenzione difensiva del Pistunina. Paternò che resta a -5 dal Camaro e il prossimo scontro diretto dirà tanto sulla corsa playoff. Pistunina, invece, che dovrà lottare fino alla fine per conquistare la salvezza.

PISTUNINA-PATERNO' 0-1
Marcatori: 6' st Guarnera

Pistunina: Vitale, Leita, Caldore (22' st D'Arrigo), Bellamacina, Napoli (43' Visconti), Ardiri, Marziale, Di Maggio (43' st  Miuccio), Colucci, Grazioso (46' pt Ghartey), Ancione (22' st Giacopello). Stracuzzi, Sergi. A disposizione: Allenatore: Ezio Raciti.
Paternò: Caruso, Trovato, Guarnera, Polat (35' st Castagna), Capuano, Balsamo, Urso (25' Cerra - 50' st Riolo), Capuano, Viglianisi, Trombino (25' st Minutola), Ciarcià, Miraglia (44' st Castelli). A disposizione: Gulisano, Conti. Allenatore: Orazio Pidatella (squalificato)
Arbitro: Elia Nunzio Maria Salerno di Catania
Assistenti: Francesco Bentivegna e Pietro Bennici di Agrigento
Ammoniti: Castagna (Pa), Giacopello (Pi), Minutola (Pa), tutti dalla panchina, Colucci (Pi), Balsamo (Pa), Ghartey (Pi), Caldore (Pi), D'Arrigo (Pi)
Recupero: 8' e 5'