Gli ex Messina in campo nel weekend

 di Marco Boncoddo Twitter:   articolo letto 500 volte
© foto di Federico De Luca
Gli ex Messina in campo nel weekend

SERIE A

FLOCCARI (BOLOGNA) 5,5 – Questa volta, complice l’assenza di Destro, Donadoni gli regala una maglia da titolare. Purtroppo per lui non è la giornata giusta e, infatti, non gli arriva neanche un pallone giocabile. Prova a lottare ma il Bologna non c’è. Abbandonato.

MAIETTA (BOLOGNA) 4,5 – Dopo una serie infinita di partite senza sbavature capitola a Bergamo. Svagato, sbaglia spesso le marcature e gli anticipi, lasciando campo libero ai giocatori orobici che, guarda caso, sfondano per vie centrali. Irriconoscibile.

CRIMI (CARPI) 6,5 – Sintesi perfetta del gioco operaio del Carpi. Corre come un forsennato, lottando con grinta su ogni pallone. Come spesso succede, purtroppo, si becca il giallo, figlio della sua inesauribile grinta. Gattuso.   

SERIE B

STORARI (CAGLIARI) 6 – Il Cagliari torna la squadra di inizio campionato e lui, educatamente, ringrazia. In avvio, voglioso di adrenalina, regala un brivido ai compagni con un controllo difettoso. Tranquillo.

COSTA FERREIRA (ENTELLA) 6 – Entra al 75’ sul 2-2, per cercare di aumentare il peso offensivo della squadra di Aglietti. Lo Spezia, però, fa buona guardia, annullando le sue iniziative. Poco utilizzato.

CALAIO’ (SPEZIA) 6,5 – Entra al 69’ al posto di Catellani, per cercare di riequilibrare il derby con l’Entella. Non segna, ma la sua presenza in aerea consente ai compagni di ricavare gli spazi utili per trovare il pareggio. Pericolo.

MONTALTO (TRAPANI) 6,5 – Come di consueto sostituisce Citro al 73’ e, quattro minuti dopo, serve di testa il pallone del vantaggio a Fazio. Lotta su ogni pallone, voglioso di dimostrarsi meritevole di questo Trapani. Provvidenziale.

DONATI (BARI ) 6 – Entra al 79’ per addormentare la partita, dopo la rete del vantaggio siglata da Sansone. Consegne rispettate. Diligente.

RIZZO (PERUGIA) 6,5 – Solito cervello muscoloso in mezzo al campo. Imposta con sicurezze e recupera palloni con determinazione e freschezza atletica. Cala leggermente alla distanza, senza però mollare la presa. Moto perpetuo