Gli ex Messina in campo nel weekend

Approfondimento settimanale sui calciatori delle due serie maggiori che hanno vestito la maglia biancoscudata
 di Marco Boncoddo Twitter:   articolo letto 373 volte
© foto di Daniele Liggi/TuttoCagliari.net
Gli ex Messina in campo nel weekend

Riprende oggi, con l’inizio del campionato cadetto, il consueto approfondimento settimanale sugli ex Messina delle due serie maggiori nazionali. In serie A, gli addii di Amauri, Nocerino e Crimi sono stati pareggiati dal ritorno di Storari, già protagonista con il suo Cagliari, e da quello di Antonino Ragusa, nato a Messina e formatosi nel settore giovanile del Giardini Naxos. Sempre numerosa, invece, la truppa di ex peloritani in serie B: ben undici, al momento, i calciatori impegnati in cadetteria. Parecchi di loro, però, non hanno trovato posto negli undici di partenza di questa prima giornata, mentre Coppola, Surraco e Montella hanno osservato un turno di riposo per il rinvio di Ternana-Pisa.  Scendiamo nel dettaglio.

SERIE A

STORARI (CAGLIARI) 8 – Le sue manone, ed i suoi piedi, tengono a galla il Cagliari. Evita il tracollo sbattendo la porta in faccia alla Roma, sua squadra del cuore, e permette ai compagni di pareggiare una partita che sembrava compromessa. Epica la sua esultanza sotto il settore dei tifosi rossoblù. Trascinatore.

RAGUSA (SASSUOLO) 6,5 – Entra al 65’, con compiti di copertura. Mezzo voto in più per il nuovo esordio in massima serie (la prima “vera” presenza nel 2014, con la maglia del Genoa), per questo fanciullo messinese, ricco di talento e grinta. Inizio.

SERIE B

LAZZARI (ASCOLI) 6 – Ritorna in campo dopo più di un anno passato tra infermeria e tribuna. L’assenza dal rettangolo verde si fa sentire, ma la voglia è quella degli anni passati. Potrà diventare una pedina fondamentale per lo scacchiere marchigiano. Bentornato.

CICIRETTI (BENEVENTO) 7 – Si procura con intelligenza il rigore che lui stesso trasforma per l’1-0 campano. Lotta su ogni pallone, offre sprazzi di classe e movimenta il gioco giallorosso con l’autorevolezza di un veterano. Futuro da stella per il ragazzino che fece impazzire di gioia i tifosi del Messina, con il suo selfie dopo il gol alla Reggina. Talento puro.

RIZZO (VICENZA) 6 – Solito mastino in mezzo al campo. Rimedia un’ammonizione evitabile, per il consueto eccesso di foga. Nell’ultima parte del match ha la palla giusta per riaprire la gara ma il suo stacco di testa non trova la via della rete. Importante.

COSTA FERREIRA (ENTELLA) S.V. – Entra all’85’ al posto di Troiano. Ingiudicabile.