Uno stadio per uno, non fa male a nessuno, a meno che...

Sala Giunta al Comune, in un torrido pomeriggio di fine giugno, Acr ed Fc si incontrano davanti a Sindaco ed Assessore per gli stadi. Stanotte, la delibera.
28.06.2019 23:16 di Davide Mangiapane Twitter:    Vedi letture
Uno stadio per uno, non fa male a nessuno, a meno che...

Il verbale pubblicato praticamente in tempo reale sulla pagina Facebook del Sindaco De Luca, alla fine della riunione in Sala Giunta, definisce la situazione per la concessione annuale dei due stadi cittadini, prima reale contesa su fatti reali tra il Messina di Sciotto e la neonata FC, frutto del passaggio di quote del Città di Messina tra Lore ed Arena. L'appuntamento era alle 15, dentro Palazzo Zanca modello sauna finalndese, e, dopo una attesa durata poco più di mezz'ora nell'aula dell'organo di governo cittadino resa vivibile dall'utilizzo giustamente parsimonioso dell'aria condizionata, ecco arrivare il primo cittadino per sancire lo stato dell'arte della procedura avviata lunedì 24 per assegnare nella stagione 2019-2020 la gestione di "S.Filippo" e "Celeste". Introduzione affidata al dirigente del Dipartimento competente De Francesco, il quale ha reso partecipi i presenti dell'esito della riunione della Commissione designata per esaminare le proposte migliorative che dovevano essere presentate dalle due società cittadine. Esame abbastanza scontato, in quanto i tre tecnici comunali hanno preso atto del preventivo di spesa con il dettaglio degli interventi migliorativi programmati, presentato entro mercoledì alle 12 dal Messina per il "Franco Scoglio", contenente anche l'impegno a fornire fidejussione bancaria a prima richiesta a garanzia del completamento dell'impegno preso, così come della relazione tecnica predisposta dalla società di Arena in cui sono elencati gli interventi indispensabili per utilizzare il "Celeste", dopo la rinuncia del Footbal Club a partecipare alla gestione del principale stadio cittadino.

Il resoconto della riunione della Commissione, insieme alle bozze di concessione degli stadi, unitamente al parere del dirigente e dell'ufficio ragioneria, costituirà la base documentale per la delibera che la Giunta esiterà nella riunione iniziata oggi alle 22 che proseguirà, come è ormai usuale a Palazzo Zanca dall'avvento del "ciclone Cateno", ad oltranza. Qualche precisazione a margine della riunione avvenuta oggi e del verbale pubblicato sulla pagina social del Sindaco, però, va fatta, anche per chiarire alcuni aspetti che possono essere interessanti. Innanzitutto, il rappresentante dell'FC, ing. Mento, ha tenuto a ribadire l'esigenza di avere a disposizione l'impianto nelle condizioni ottimali, ottenendo la rassicurazione da parte del dg biancoscudato D'Arrigo, per una pretesa del tutto ovvia, considerando che l'ex Cdm dovrà pagare ogni singola partita secondo il tariffario comunale (attualmente 2.500 euro oltre i servizi) e, nel contempo, dovrà fornire adeguate garanzie per poter disputare gli incontri casalinghi di campionato e Coppa Italia.

Al di là delle precisazioni formali e di qualche rigidità derivante, forse, anche da una certa tensione emersa nelle dichiarazioni rilasciate in questo torrido mese di giugno, sembra emergere un primo abbozzo di dialogo tra chi poi, in effetti, dovrà gestire la convivenza al "S. Filippo", visto che alcune fasi dovranno, obbligatoriamente, essere gestite in collaborazione tra le parti.  Il primo banco di prova sarà la consegna dell'impianto dopo l'ultimo concerto previsto per il 27 luglio. D'Arrigo ha chiesto all'ing. Mento che Acr ed Fc operino congiuntamente una attenta verifica della situazione ad inizio agosto, quando il Comune ed il concessionario vigileranno sull'adempimento di tutti gli obblighi contrattuali da parte dell'organizzazione degli eventi musicali. Questo anche perché l'Fc avrà già un primo impegno ufficiale a metà agosto, data in cui, sicuramente, non potrà avere il manto erboso nelle migliori condizioni possibili e, quindi, avrà la possiibilità di programmare nel modo migliore la propria attività. Massima disponibilità è stata manifestata da entrambe le società per collaborare al meglio e, forse, da questo spirito costruttivo, deriva la parte finale del verbale pubblicato sui social dal sindaco, in cui De Luca continua a mettere in campo l'ipotesi, ma ormai può dirsi il sogno, di un "matrimonio" tra le due realtà calcistiche cittadine. Altro auspicio, quasi una utopia, la dichiarazione dell'ing. Mento, il quale ha affermato che un obiettivo dell'Fc è quello di adeguare il "Celeste" alla normativa in modo da poter ottenere l'agibilità e riaprire al pubblico lo storico catino di Via Oreto per le partite ufficiali.

Intanto, occorre registrare un fatto quasi storico, visto che, qualora la Giunta riesca a concludere tutto l'iter nella seduta iniziata in tarda serata, sarà la prima volta a memoria d'uomo che la concessione annuale per utilizzare l'impianto cittadino sarà assegnata addirittura prima dell'inizio ufficiale della nuova stagione. Anche se il Sindaco si è impegnato a consegnare, intanto, il nulla osta per l'uso del "S. Filippo" ad Acr ed FC lunedì 1 luglio, data ufficiale di inizio dell'annata agonistica 2019-2020, mentre riguardo all'ufficialità della concessione dei due stadi, occorrerà, ovviamente, attendere l'accettazione da parte delle società, soprattutto di tutte le condizioni che saranno inserite, per consentire l'utilizzo in modo corretto e con pari condizioni per tutti, con l'augurio che, finalmente, si possano mettere alle spalle tutte le problematiche emerse nell'ultimo decennio per consentire agli appassionati di calcio messinesi di andare senza patemi a vedere una partita.