1^-Torrenovese in Promozione. Di Marco: “Anno straordinario”

Grande festa per la vittoria play-off contro la Castelluccese, dopo un campionato chiuso al secondo posto. Scalata dei rosanero, dalla Terza categoria alla Promozione
16.05.2018 10:19 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 1559 volte
1^-Torrenovese in Promozione. Di Marco: “Anno straordinario”

Un’attesa durata 11 anni ma, adesso, a Torrenova è scoppiata la festa per il ritorno in Promozione. Decisiva la finale play-off disputata in casa e che ha opposto la Torrenovese alla Castelluccese, due matricole che si sono date battaglia per un’intera stagione e negli ultimi 120 minuti. Il 2-2 finale, in virtù del secondo posto in regular season, ha premiato i rosanero di mister Alessio Di Marco che, sulla panchina da 4 anni e capitano di quella Torrenovese di un decennio fa, ha completato un percorso che ha portato la squadra dalla Terza categoria alla Promozione: “La stagione si è conclusa nel migliore dei modi. Non era una promozione programmata, ma durante l’anno abbiamo capito che ci potevamo riuscire e ce l’abbiamo fatta”.

Partita dopo partita la Torrenovese ha acquisito consapevolezza nei propri mezzi, riuscendo a calarsi nel nuovo campionato e lottare per i primi posti: “Dopo aver allestito un’ottima squadra in estate, credevo nei play-off ma il campionato era tosto, duro e difficile. Abbiamo capito di poter lottare proprio nella gara di andata sul campo della Castelluccese, squadra che non perdeva in casa da anni e, invece, abbiamo vinto e ci siamo convinti di poter dire la nostra. Non di vincere il campionato - ha chiarito il tecnico - perché l’Acquedolci era una corazzata per il primo posto, ma siamo arrivati a due punti”.

58 punti per l’Acquedolci, 56 per la Torrenovese che, a lungo, è stata anche in vetta, prima di cederla ai biancoverdi: “La differenza l’hanno fatta gli scontri diretti: all’andata stavamo vincendo ma abbiamo subito il pari al 92’ su rigore, mentre al ritorno abbiamo steccato la partita, quando anche con un pari avremmo vinto il campionato. È stata una partita non disputata con la mentalità giusta. Era rimasto il rammarico, ma i ragazzi hanno assorbito la sconfitta, hanno reagito con rabbia e abbiamo vinto tutte le partite, ma l’Acquedolci non ha più perso un punto. Noi non abbiamo mollato e siamo arrivati a più 12 sulla quinta, non disputando così la semifinale play-off. Un campionato straordinario, chiuso a due punti dal primo posto, prima del Rocca, ma anche di squadre come Sfarandina, Umbertina, Due Torri o Pettineo che, ad occhi chiusi, potevano disputare i play-off. Sono consapevole, però, che nel calcio la classifica finale rispecchi l’andamento del campionato e, quindi, abbiamo meritato la seconda posizione”.

Un piazzamento che è valso la finale contro la Castelluccese (quarta), che fino alla fine ha cercato di rovinare la festa della Torrenovese, nonostante l’immediato vantaggio: “È stata una partita tiratissima, la Castelluccese è squadra che non molla mai e anche in semifinale contro il Rocca ha pareggiato all’ultimo e poi ha vinto ai supplementari. Abbiamo preso gol al 93’ su nostre leggerezze, ma poi abbiamo avuto un’ottima reazione d’orgoglio ai supplementari tornando anche in vantaggio. La Castelluccese è un’ottima squadra, con ottimi giocatori e d’esperienza che ha vinto campionati e questo tipo di partite”.

Una promozione che ha anche riscattato la delusione di un anno fa, quando, la Castelluccese vinse il campionato di Seconda categoria, mentre la Torrenovese perse la finale play-off contro il Pettineo: “Il calcio restituisce tutto e dopo la sconfitta in finale dello scorso anno, ci siamo ritrovati di nuovo in finale play-off ma questa volta in casa. Il destino ha voluto che festeggiassimo qui”, ha continuato mister Di Marco che ha così coronato con un altro successo la sua esperienza sulla panchina rosanero, in attesa del torneo di Promozione: “Ora penso a festeggiare, non voglio sentire parlare di calcio per un po’ – ha concluso il tecnico - poi mi vedrò con la società e decideremo cosa fare”.