3^-Arci Grazia, doppio colpo: tesserati Di Salvo e Papale

La formazione milazzese, vicina anche a Maiorana, ha pescato da società di categorie superiori per iniziare la scalata verso la zona promozione
 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 429 volte
3^-Arci Grazia, doppio colpo: tesserati Di Salvo e Papale

Con la riapertura del calcio mercato l'Arci Grazia del “tuttofare” Mario Italiano non ha perso tempo e, dopo un filotto di sconfitte consecutive che pesano come un macigno sull'economia della classifica, è andata a pescare nelle categorie superiori atleti di sicuro affidamento per recuperare il gap con le fuggitive. I trasferimenti in bianco-rosso portano i nomi di Davide Di Salvo, centrocampista dalla Virtus Milazzo, squadra militante nel campionato di Prima categoria, e di Roberto Papale, attaccante dal Merì, squadra del campionato di Promozione. A questi si aggiunge il probabile arrivo di Vincenzo Maiorana, esterno in forza al Merì nella prima fase di campionato ma che, per motivi personali, non ha potuto prendere parte al campionato.

Grande voglia di rivalsa da parte dei neo arrivati, tutti concentrati su quello che l’obiettivo stagionale, che  va ben oltre il semplice play-off.  Gli stessi non vedono l'ora di gettarsi a capofitto nella nuova avventura come si evince dalle parole del “figliol prodigoRoberto Papale, atleta girovago del calcio messinese e che torna sempre con grandi motivazioni ed entusiasmo alla "casa madre". “L’esperienza di Merì, per quanto prestigiosa, mi ha un lasciato l'amaro in bocca. Purtroppo non ho avuto grandi possibilità per mettere in mostra le mie qualità nonostante un impegno costante in fase di preparazione e durante gli allenamenti infrasettimanali. Purtroppo, ancora oggi – ha dichiarato l’attaccante - in alcune società del dilettantismo siciliano prevalgono dinamiche, nella scelta della formazione, che esulano dal rendimento in campo.  Anche a questi livelli spesso la meritocrazia viene messa da parte e, consapevole di questa sgradevole realtà, preferisco senza alcun dubbio sostenere il sano scopo di fare calcio in una piccola squadra di Milazzo i cui ideali societari prescindono da frivoli interessi economici e politiche calcistiche a mio vedere errate, ma seguono soltanto la bandiera della passione per il calcio milazzese, specialmente dopo le ultime incongruenze del comune a danno delle piccole società sportive del comprensorio . Sono convinto che con l'Arci Grazia potrò mostrare il mio reale valore, forte della piena fiducia e della stima della società e dei compagni di squadra. Un gruppo di persone cui devo molto in termini di serietà e impegno, prerogative che non sono mai mancate nella mia persona”.