3^-Sportiamo Villafranca, Sottile: "Gettate le basi per il futuro"

Il tecnico, alla prima esperienza in panchina, ha fatto un bilancio della stagione e pensa a concludere al meglio il campionato. Società soddisfatta del lavoro svolto
12.04.2018 12:14 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 281 volte
Sportiamo Villafranca
Sportiamo Villafranca

Non abbiamo più molto da chiedere, ma giocheremo sempre con il massimo impegno nel rispetto del campionato, perché non sarebbe corretto nei confronti degli avversari. Come abbiamo fatto finora affronteremo anche i prossimi impegni con la stessa intensità”, sono le parole di mister Domenico Sottile, allenatore dello Sportiamo Villafranca che, dopo il turno di riposo imposto dal calendario, si prepara a tornare in campo nel match esterno contro il Don Peppino Cutropia e, soprattutto, a concludere la stagione nel miglior modo possibile dopo l’ultima vittoria (5-1) conquistata sul campo del Città di Antillo.

Nonostante le ambizioni di inizio anno, quando lo Sportiamo sperava di lottare per un posto in zona play-off, società e staff si ritengono soddisfatti del ritorno tra i ranghi federali dopo un anno di assenza e con sei gare ancora da giocare si punta a migliorare: “Avevamo altre aspettative, ma ora vorremmo arrivare a ridosso dei play-off perché possiamo ancora raggiungere qualche squadra davanti (attualmente nono posto con 20 punti e una gara in meno). Vogliamo migliorare la nostra posizione, per i playoff non ci sono speranze, perché troppo distanti e troppe squadre in corsa”.

“Siamo squadra molto giovane, ancora inesperta e quest’anno ci è servito per capire come funziona”, ha continuato mister Sottile, che ha fatto un primo bilancio della stagione: “Abbiamo perso diversi punti nei minuti finali delle gare, ma in realtà la squadra non è mai stata messa sotto. Ad eccezione delle due partite contro il Cus, squadra fatta bene e ben allenata, e il Real Zancle al ritorno, quando eravamo in formazione rimaneggiata e non siamo entrati in partita. Il Casalvecchio ha disputato un campionato a parte per struttura societaria, organizzazione e rosa, ma siamo una delle due squadre che è riuscita a togliergli punti pareggiando all’andata e creando anche qualche buona occasione”.

In complesso, quindi, è una buona base di partenza per il futuro, anche perché lo Sportiamo Villafranca, che gioca senza particolari pressioni, guarda con attenzione anche al proprio settore giovanile e a dare così un’occasione ai tanti ragazzi del centro tirrenico: “Le ambizioni c’erano ma, comunque, siamo riusciti a creare un gruppo e agli allenamenti siamo sempre una ventina. Siamo soddisfatti del lavoro, non abbiamo particolari pretese e anche la rosa lo dimostra, perché non abbiamo giocatori che hanno disputato categorie superiori, ma sono ragazzi che giocano per passione, si impegnano e ci tengono. Ci mancano due-tre elementi esperti per la categoria e forse anche una vera punta, anche se Ceesaj è vice capocannoniere. Spesso - ha dichiarato il tecnico - ho dovuto anche stilare la lista dei convocati e lasciare fuori qualcuno. La società ha messo a disposizione questa opportunità, gettando le basi per il futuro. Questo è stato un anno di prova ma si è già mossa per il prossimo e ha la disponibilità di qualche giocatore per ripartire da questa base e migliorare. Inoltre, c’è anche la scuola calcio e la prima squadra potrebbe essere importante per i ragazzini che potrebbero trovare spazio e dare continuità al loro lavoro. Può rappresentare una piccola vetrina”.
Un futuro sempre con mister Sottile? “Ne parleremo, lo spero perché mi sono trovato bene e siamo un gruppo di amici, a cominciare da Marco Crisafulli, un collaboratore indispensabile per me”, ha dichiarato il tecnico che pensa, soprattutto, alla sfida di sabato a Milazzo: “Non abbiamo niente da perdere, quindi andremo giocare la nostra partita e cercare di vincere. Loro vengono da una brutta sconfitta, gli servono punti e avranno voglia di riscattarsi”.
Con il primo posto già assegnato la Casalvecchio, si corre per i play-off, ma “se la giocheranno Real Zancle e Cus – ha concluso l’allenatore villafranchese -. Sono più complete rispetto alle altre squadre”.