Coppa Italia, i rigori premiano la Ss Milazzo. Igea 1946 eliminata

Al "D'Alcontres Barone" i tempi regolamentari finiscono 1-1, poi una lunga lotteria dal dischetto premia i rossoblù, più precisi. Sbaglia solo Arena, mentre i locali falliscono con Paludetti e Bucolo
08.09.2019 20:02 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Coppa Italia, i rigori premiano la Ss Milazzo. Igea 1946 eliminata

Alla lotteria dei rigori la spunta la Ss Milazzo che, nel ritorno di Coppa Italia, supera 10-0 l'Igea 1946 dopo l'1-1 dei tempi regolamentari. I giallorossi, che escono dal campo tra gli applausi dei suoi sostenitori, partono contratti nel primo quarto d'ora e subiscono la rete di Laquidara a seguito di uno svarione difensivo. La reazione è veementi, i locali chiamano spesso all'intervento risolutivo il portiere mamertino Scibilia con D'Anna, Genovese e Paludetti, che più volte hanno messo alla frusta la retroguardia rossoblu. Assorbito il colpo dello 0-1, l'Igea si è pian piano riorganizzata, guadagnando campo col trascorrere dei minuti e costruendo almeno tre nitide palle gol. Raggiunto il pari dal dischetto con Paludetti al 37', nella ripresa i ragazzi di Moschella hanno esercitato un generoso pressing, senza tuttavia capitalizzare le numerose occasioni create: in particolare Mondello è andato vicinissimo alla marcatura, costringendo Scibilia a due prodezze consecutive.

Bissato l'1-1 dell'andata, il passaggio del turno si è deciso ai calci di rigore. Per l'Igea hanno segnato Gatto, Genovese, Aveni, Mondello, Parisi, D’Anna, Leo e Sciotto, mentre hanno fallito il penalty Paludetti (primo a calciare) e Bucolo, per il Milazzo il solo Arena

Una eliminazione immeritata per l'Igea 1946, che ha avuto un avvio di gara sottotono: "Contrariamente ai miei intendimenti della vigilia - ha commentato mister Domenico Moschella - abbiamo iniziato molto contratti la gara. Abbiamo subito lo svantaggio su un nostro svarione. Siamo stati bravi a reagire, creando almeno una decina di palle gol denotando una condizione fisica molto buona". Proprio la tenuta atletica dei giallorossi è uno degli aspetti più positivi della gara: "Le mie squadre partono forte, aggressive, cercando di tenere il pallino del gioco in mano fino in fondo e fino in fondo ci abbiamo creduto. E' un dato incoraggiante in vista dell'esordio in campionato. Abbiamo subito qualche ripartenza di troppo - ha concluso il tecnico giallorosso - ma è da mettere in preventivo quando attacchi con tanti uomini. Cercheremo comunque di limare anche qualche sbavatura in tal senso".

Amareggiato anche il capitano Chicco D'Anna, autore di una prestazione maiuscola contro il Milazzo: "Abbiamo giocato bene, non partendo benissimo magari per un pizzico di emozione per l'esordio davanti ai nostri tifosi. La partita l'abbiamo fatta noi e avremmo meritato il passaggio del turno. Abbiamo creato tanto, abbiamo esercitato una netta supremazia territoriale ma poi la lotteria dei rigori ci ha puniti".
Positiva, però, anche per l'esperto centrocampista la prestazione e la condizione della squadra: "Ci manca ancora un pò di lucidità sotto porta. Dobbiamo ancora migliorare alcuni meccanismi in vista dell'esordio in campionato. Ci ha fatto piacere uscire dal campo tra gli applausi del nostro pubblico: hanno apprezzato il nostro impegno e ci rendono consapevoli della bontà della nostra prestazione".