La Jonica torna alla vittoria: Galletta piega l’Aci Sant’Antonio

Difficile trasferta per la compagine di mister Moschella, che nella ripresa sblocca il match con l’ex Robur. Bene i locali, Monaco spreca dal dischetto per gli ospiti. Sintesi video a cura di We Sport
 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 555 volte
Fonte: Antonio Caroè
La Jonica torna alla vittoria: Galletta piega l’Aci Sant’Antonio

Brinda ad un successo fondamentale la Jonica che, in casa dell'Aci Sant'Antonio, si conferma cinica e solida. Galletta in avvio di ripresa sblocca una gara tirata, poi un pò di sofferenza vale bene una classifica estremammente positiva.

La cronaca

Primo tempo: La Jonica cerca fin da subito di tenere in mano il pallino del gioco e al 4’ minuto si affaccia in zona Ravasco, con il lungo lancio di Herasymenko all’indirizzo di Savoca, anticipato dalla difesa locale che allontana il pericolo. Dopo un minuto arriva la reazione dell’Aci Sant’Antonio che, grazie ad un errore di Monaco in fase di impostazione, recupera il pallone sulla mediana, ma la verticalizzazione di Pavone verso il compagno Sinito trova l’uscita attenta di Gugliotta. Mister Torrisi impone ai suoi di spezzare la manovra ospite sin dal primo passaggio, e al minuto 7 il pressing dell’Aci danneggia la fase di costruzione dettata da Herasymenko, tuttavia, ancora una volta Gugliotta è bravo ad anticipare Pavone, lanciato a rete da Viglianisi. Nel primo tempo la squadra etnea colleziona occasioni gol, ma spreca tutto Pavone all’ 8’ a tu per tu col portiere della Jonica. Al 13’ provano gli ospiti a reagire con uno schema da calcio di punizione di Cambria, che pesca Monaco in area di rigore, il centrocampista appoggia per Savoca che non riesce a finalizzare da buona posizione e viene anticipato dalla difesa dell’Aci Sant’Antonio. Non brilla la Jonica che si affida ai lanci lunghi per creare pericoli e da una punizione di Herasymenko al 20’, conclude debolmente con Ferraro da buona posizione.

Il numero quattro di mister Moschella è tra i migliori in zona inserimento e al 36’ viene servito a limite dell’area da Loria. Il centrocampista stoppa bene, scarica sulla corrente Galletta che di piatto destro non c’entra di poco la porta difesa da Ravasco. E’ la migliore occasione di un difficile primo tempo per la Jonica che però, al 41’ ha l’occasione di sbloccarla su calcio di rigore: Savoca entra in area dalla sinistra e viene anticipato in corner dalla difesa locale, l’intervento sembrerebbe nettamente sul pallone ma Comito decide per la massima punizione. Monaco sfida Ravasco e spreca il tiro dal dischetto mandando alto. Come se non bastasse 42’ esce un dolorante Aricò per far posto a Marchiafava. Arriva il duplice fischio e nonostante le tante occasioni, Aci Sant’Antonio e Jonica sono ferme sullo 0-0.

2 tempo.

Bastano solo 6 minuti dalla ripresa delle ostilità alla Jonica per sbloccare il match. Punizione da 30 metri sull’out di sinistra, la difesa dell’Aci si perde Galletta sul secondo palo che ha tutto il tempo per stoppare la sfera e scaricare il pallone con un destro angolato alla spalle di Ravasco. I padroni di casa non si scompongono e al 53’ sono vicini al pareggio, con Pavone che impegna in presa bassa Gugliotta su assist di Sinito. Cala vistosamente il ritmo per due squadre che nella prima ora di gioco non si sono mai risparmiate. All’ 81 esce Savoca per favorire l’ingresso in campo di Smiroldo e dopo due minuti e ancora la Jonica a rendersi pericolosa con un lancio dalle retrovie che pesca in buona posizione Marchiafava, ma il giovane attaccante si fa ipnotizzare da Ravasco che sventa il pericolo. Terzo ed ultimo cambio per gli ospiti al 92’, con Garufi che fa rifiatare il goleador di giornata Galletta. In pieno recupero è ancora Marchiafava a sfiorare lo 0-2 ma Ravasco mette il piedone sul piattone del numero 17 e respinge.

Vince la Jonica che vola a quota 11 e guarda da vicino il trio di testa formato da Tirrenia, Terme Vigliatore e Sporting Viagrande, ferme a 12. L’Aci Sant’Antonio resta a quota 7 a centro classifica.