Playoff, è resa dei conti: domani la finale Jonica-Città di Messina

Dopo due pareggi a reti inviolate in campionato va in scena a Santa Teresa la finale playoff del gruppo C che vale l'ultimo passo prima dell'Eccellenza
 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 834 volte
Jonica - Città di Messina
Jonica - Città di Messina

Il teatro sarà il "Comunale" di Santa Teresa di Riva: l'opera la finale playoff del girone C di Promozione. I protagonisti? Le migliori difese della regular season, una reduce da un campionato segnato da numeri da urlo, l'altra dal secco 5-1 rifilato alla Messana in semifinale. Ed eccoci arrivati allo scontro finale tra Jonica e Città di Messina, due squadre a pochi punti di distanza l'una dall'altra per gran parte dell'anno e, rispettivamente, seconda e quarta forza del campionato dopo le 28 gare giocate, separate da otto lunghezze. 

Il campionato eccelso condotto dalla formazione di Mimmo Moschella, che giocherà in casa la finale, passa da numeri incredibili: 19 gare vinte, 8 pareggiate e una sola persa, alla prima giornata contro il Camaro. Da quel primo passo falso Herasimenko e compagni sono stati capaci di reagire, trovando la forza necessaria per infilare 27 risultati utili consecutivi su 27 gare disponibili e conquistando quindi i 65 punti con cui, visto il +19 sul quinto posto, si è andati dritti in finale. Come se non bastasse, il ruolino di marcia impressionante della Jonica viene condito da 48 gol fatti (terzo miglior attacco) e soprattutto da 12 marcature subite, migliore retroguardia del torneo. 

A -8 dalla squadra di Santa Teresa di Riva è arrivato il Città di Messina, che, dal canto suo, subisce soltanto una rete in più (13) ma perde 3 gare e ne pareggia 9. I ragazzi di Bellinvia incrociano così la Messana, terza, in semifinale, superando l'ostacolo con un 5-1 maturato già nel primo tempo, chiuso sul 3-0. Il derby del "Garden Sport" diventa così la rampa di lancio con cui il CdM arriva alla finale. Tra andata e ritorno furono due pareggi a reti inviolate, un punteggio che premierebbe la Jonica, che può godere del doppio risultato (vittoria e pareggio, dopo i supplementari) per accedere alla finalissima contro la vincente dello spareggio del gruppo D tra Città di Paternò e Città di Ragusa. Due vere e proprio corazzate. 

I prossimi 90 minuti saranno decisivi e le due formazioni si giocheranno una stagione intera: Herasimenko contro Bombara, Marchiafava contro Codagnone, Monaco contro Cardia, uno a uno si sfideranno in ogni porzione di campo per coronare quel sogno promozione inseguito ormai da una intera stagione.