Sp. Taormina, La Mela: "Regalato un mese, ma in linea con i programmi"

Il tecnico biancoazzurro ha commentato la gara vinta contro il Gescal, che "dovevamo chiudere prima". L'obiettivo play-off, dopo una partenza in ritardo, è alla portata della squadra jonica
12.02.2019 11:39 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Sp. Taormina, La Mela: "Regalato un mese, ma in linea con i programmi"

Riparte dal “Despar Stadium” la rincorsa dello Sporting Taormina verso la zona play-off. La squadra guidata da mister Giovanni La Mela porta via i tre punti nel match esterno contro il Gescal che, invece, incassa il terzo ko consecutivo e scivola in piena zona play-out.

I biancoazzurri gestiscono con tranquillità il primo tempo, non rischiano praticamente nulla e passano in vantaggio con Famà. A inizio ripresa il raddoppio di Emanuele scarica gli jonici che, troppo sicuri, si rilassano e lasciano spazio ai padroni di casa: “Una partita che dovevamo chiudere perché l’abbiamo fatta sempre noi – ha commentato il tecnico taorminese -. Su un calcio piazzato abbiamo subito gol e abbiamo dato così la possibilità di riaprire una gara che, per quanto visto in campo, abbiamo vinto giustamente. Abbiamo commesso lo stesso errore come in altre partite: giochiamo noi, poi però mentalmente abbassiamo un po’ la guardia”.

Sullo 0-2 il Gescal è riuscito a restare in partita con la punizione di Trovato, mentre lo Sporting Taormina ha perso la lucidità della prima frazione, anche perché l’uscita di Emanuele ha tolto spinta e rallentato il ritmo degli ospiti: “Viene da un infortunio importante, lo stiamo recuperano piano piano e alla fine – ha aggiunto mister La Mela – ha anche segnato. È un percorso che stiamo seguendo con lui e, piano piano, avremo di nuovo l’Alessio Emanuele che conosciamo”.

Emanuele è solo uno dei tanti giocatori di grande esperienza nella rosa biancoazzurra: oltre al centrocampista classe 1982, anche il portiere Saia (’81), i difensori Filistad (’82), Bonanno (’79) o il capitano Mannino (’87) che “conoscono bene il campionato e sono anche di categoria superiore – ha sottolineato il tecnico -. Abbiamo tanti giocatori importanti, ai quali si aggiungono alcuni giovani che stiamo cercando di far crescere. Sono giocatori esperti che ci permettono di fare il salto di qualità nei momenti importanti”.

Un successo che ha proiettato lo Sporting Taormina al sesto posto con 33 punti, -1 dalla zona play-off ma con il turno di riposo già osservato. Un ottimo andamento per la squadra di mister La Mela, anche in considerazione del netto ritardo in avvio di stagione: “Abbiamo regalato un mese a tutti, ma abbiamo fatto tanto per arrivare a questo punto. Siamo in linea con i programmi – ha concluso l’allenatore - non abbiamo un obiettivo preciso, perché è una squadra che può lottare per tutto e per nulla. Dipende dall’atteggiamento: se non ti rilassi si può lottare per tutto, altrimenti, in caso contrario, per nulla, come ha dimostrato la partita contro il Gescal”.