Città di Messina, Princi: "La vittoria deve essere un trampolino di lancio"

L'esterno giallorosso, reduce da un infortunio, ha esordito nel vittorioso match contro il Rotonda e sta preparando la trasferta contro il Bari
08.11.2018 19:30 di Ernesto Francia  articolo letto 344 volte
Città di Messina, Princi: "La vittoria deve essere un trampolino di lancio"

Protagonista nella seconda parte della scorsa stagione con la maglia del Città di Messina, la vittoria del campionato d'Eccellenza e la riconferma in rosa per il campionato di Serie D. Un percorso veloce e ricco di soddisfazioni quello affrontato da Pasquale Princi, esterno d'attacco allenato da mister Furnari ai tempi del Camaro e voluto anche in maglia giallorossa. Eppure l'inizio di stagione è stato caratterizzato da un brutto infortunio nei primi giorni di ritiro che, ad una prima diagnosi, poteva portare a un'operazione chirurgica e ad uno stop di diversi mesi. La vicinanza di staff e compagni, la fiducia della società e la grande voglia di giocare hanno fatto bruciare le tappe all'attaccante messinese che è tornato da qualche settimana a pieno regime con la squadra e ha esordito in campionato. Lo abbiamo ascoltato alla vigilia della difficile trasferta di Bari.

La vittoria contro il Rotonda vi ha dato i primi 3 punti in campionato e ha fatto tornare anche un po' di serenità nell'ambiente.
"Era fondamentale vincere perché la classifica era un po' bugiarda nonostante le nostre buone prestazioni. Siamo stati bravi e anche fortunati in qualche episodio, diversamente dalle partite precedenti. La vittoria deve essere un trampolino di lancio perché siamo attesi da tre partite difficilissime".

Adesso la forza del gruppo deve essere fondamentale nel tour de force: Bari, Messina, Marsala.
"Sappiamo che queste sono tre partite importanti, ma tutte le squadre del girone sono organizzate. Abbiamo un gruppo coeso per affrontare la trasferta proibitiva di Bari, il derby contro l'Acr e l'altra trasferta di Marsala. Noi rispettiamo gli avversari ma siamo fiduciosi nella nostra forza e daremo tutto in campo".

Ti sei lasciato alle spalle il brutto infortunio, adesso come stai?
"Sto benissimo e sono veramente contento di aver recuperato così presto. Per me è un'occasione unica giocare la Serie D, un sogno quindi voglio aiutare la squadra ed essere sempre pronto a giocare".

Tutti i compagni, anche i nuovi arrivati, ti hanno aspettato e poi hai anche la fiducia del mister.
"Questo è fondamentale, tutti mi sono stati vicini dal giorno del mio infortunio e mi hanno fatto sentire parte integrante del progetto. Il mio recupero è anche merito loro".