Igea Virtus, un turno ad Allegra. Marsala-Locri non omologata

Il difensore barcellonese salterà la sfida con la Turris; nessuna sanzione per Acr e Città di Messina. Il giudice sportivo dovrà pronunciarsi dopo il preannuncio reclamo della società calabrese
06.03.2019 19:03 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Allegra (Igea Virtus)
Allegra (Igea Virtus)

Nessun provvedimento disciplinare per Acr Messina e Città di Messina, che arriveranno al derby del 17 marzo a ranghi completi. Il solo Alessandro Codagnone, attaccante del Città di Messina, è entrato in diffida per la quarta ammonizione stagionale.

Un turno di squalifica, invece, per il difensore dell’Igea Virtus, Emanuele Allegra, che salterà la sfida in casa della Turris. Due giornate per Manno del Locri e due squalificati per la Cittanovese, senza Cianci e Trofo proprio contro la formazione calabrese.
Non è stata omologata, infine, la gara tra Marsala e Locri per il preannuncio reclamo della società ospite contro il rigore assegnato ai siciliani e ritenuto un errore tecnico dell’arbitro Pistarelli di Fermo.

I provvedimenti disciplinari:
Due gare: Manno (Locri);
Una gara: Cianci, Trofo (Cittanovese), Cacioli (Bari), Mileto (Gela), Giappone (Marsala), Marone (Portici), Diop (Roccella), Pastore (Rotonda), Allegra (Igea Virtus).

ALLENATORI
Una giornata di squalifica a Salvatore Brucculeri (Gela) e Alessandro Pellicori (Locri), allontanati “per proteste nei confronti dell'Arbitro”.

AMMENDE
€ 2.800 al Locri “per avere propri sostenitori nel corso del secondo tempo, lanciato sul terreno di gioco numerose (circa 10) bottigliette piene d'acqua, che cadevano in prossimità dei calciatori e dei componenti delle panchine, nonché una bandiera di grandi dimensioni la cui asta colpiva la panchina della società ospite. Inoltre, al 27’ del secondo tempo, persona non identificata ma chiaramente riconducibile alla società faceva indebito ingresso sul terreno di gioco, posizionandosi tra le due panchine, protestando contro le decisioni arbitrali e inveendo contro la panchina ospite; veniva allontanata grazie all'intervento del capitano locale. Infine, al termine della gara alcuni propri sostenitori rivolgevano espressioni offensive all'indirizzo della Terna arbitrale e una quarantina dei medesimi attendevano gli Ufficiali di gara al cancello dell'impianto sportivo ostacolandone l'uscita, resa possibile solo grazie al fattivo intervento di due volanti della polizia; nella circostanza uno dei sostenitori lanciava sputi che colpivano l'auto degli Ufficiali di gara”.