C'è Sabatino per la difesa dell'Acr Messina: oltre 250 presenze tra i pro

Grande colpo per i biancoscudati che si assicurano un calciatore reduce da 11 stagioni consecutive in Serie C. È un terzino sinistro, incuriosisce l'impiego tattico che gli darà Novelli
11.09.2020 23:12 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
A Messina con l'Akragas
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
A Messina con l'Akragas

È Sergio Sabatino l’innesto che l’Acr Messina farà per il proprio pacchetto arretrato. Classe 1988, con una carriera spesa quasi interamente tra i professionisti nella quale ha collezionato oltre 250 presenze, è atteso domenica al San Filippo, per il primo allenamento in città della squadra dopo il ritiro di Polla.

Sarà interessante capire l’impiego tattico che mister Novelli darà a Sabatino che è prevalentemente un terzino sinistro o anche un quinto di centrocampo bloccato e che solo all’occorrenza può agire da difensore centrale. A Messina, con una corsia mancina che vede il promettente 2001 Paolo Giofrè (ex Turris) in pole position per una maglia da titolare, si potrebbe immaginare un Sabatino a comporre il pacchetto di centrali con Boskovic e Lomasto, in un ruolo alla Francesco Bruno, arrivato tre anni fa in riva allo Stretto come terzino destro di spinta e trasformato da Modica in difensore centrale. Un cambio di posizione che gli ha regalato una seconda giovinezza e che, per caratteristiche, esperienza e abnegazione anche potrebbe trovare terreno fertile in Sabatino.

Corleonese, classe 1988, dopo le prime stagioni tra Serie D ed Eccellenza con Alcamo e Nissa, Sabatinodebutta tra i professionisti nel 2009 a Manfredonia, collezionando una trentina di presenze in Serie C2. Dalla stagione successiva diventa un punto fermo della terza serie, giocando con Taranto, Trapani e Nocerina. Nel gennaio del 2013 passa a Catanzaro e resta in giallorosso per un anno e mezzo, realizzando anche due gol. Passa, poi, al Savoia e nel mercato invernale del 2015 inizia la sua vita calcistica ad Arezzo: fatta eccezione per un semestre vissuto con l’Akragas, giocherà con i toscani per tre stagioni, collezionando più di cento presenze. Nel 2018 si trasferisce alla Triestina e, nonostante una ventina di gare tutte da titolare, finirà fuori lista dopo il mercato invernale e non scenderà più in campo. Nella scorsa stagione mette insieme 31 gettoni tra campionato e Coppa con la Sicula Leonzio, alcune anche da capitano.