Mercato: Bonanno e Ferrante al Biancavilla, Raffaele al Catania

Il bomber peloritano accetta la corte degli etnei, dove troverà Fabrizio Ferrante. Raffaele, dopo aver sfiorato la B col Potenza, si accorda con il Catania
09.08.2020 16:56 di Marco Boncoddo Twitter:    Vedi letture
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Mercato: Bonanno e Ferrante al Biancavilla, Raffaele al Catania

Continuano a fervere i lavori per la costruzione delle nuove rose, con la voglia, palpabile tra gli addetti ai lavori, di tornare alla normalità del calcio giocato. Il mercato degli ex-peloritani, sul quale vi abbiamo aggiornato nei giorni scorsi, continua a muoversi incessantemente, soprattutto in quarta serie.

Francesco Bruno, difensore ex Acr Messina, ha deciso di accettare le avance del Lavello, formazione lucana neopromossa in serie D ed allenata da Karel Zeman. Il calciatore campano, dopo 43 presenze ed una rete con la maglia giallorossa, totalizzate nelle stagioni 2017/18 e 2019/20, torna in Basilicata dopo l’esperienza a Melfi. Tommaso Bonanno, al Messina dei Lo Monaco tra 2013 e 2015, si è accasato al Biancavilla, dove troverà Fabrizio Ferrante, difensore che ha siglato 3 reti in 17 partite con il Messina nella stagione 2018/19.

Ritorna in Piemonte, invece, l’esperto difensore Samuele Emiliano. Dopo una stagione passata alla corte della famiglia Sciotto, il torinese classe ’84 ha accettato l’offerta della matricola Derthona, fresca vincitrice dell’Eccellenza piemontese. La Nocerina, tradizionalmente protagonista nel campionato di quarta serie, ha contrattualizzato Andrea Impagliazzo, difensore ischitano con un’esperienza nel Messina di Lello Manfredi. Accetta un declassamento, pur di ritornare “in patria”, Danilo Cucinotti, reggino con un passato nell’Acr Messina edizione 2010/11: il difensore, infatti, ha firmato per la rinnovata Vigor Lamezia, ancora in attesa di sapere se riuscirà a giocare il campionato d’eccellenza.

Tra gli allenatori, infine, segnaliamo l’approdo di Peppe Raffaele sulla panchina del rinnovato Catania, dopo l’ottima esperienza biennale alla guida del Potenza.