La Lega Nazionale Dilettanti ha ufficializzato le motivazioni che hanno portato al respingimento della domanda di ammissione al campionato di Serie C del Football Club Messina. Ricordiamo che a trarre vantaggio dalla défaillance dei giallorossi è stato il Picerno, volato tra i professionisti come nono promosso dalla Serie D, al posto del rinunciatario Gozzano e dell’Aglianese, prima nella graduatoria dei playoff.

Esaminata la comunicazione con la quale la Covisoc - si legge nel comunicato - ha rilevato per la società Fc Messina Srl il mancato rispetto dei criteri legali ed economico-finanziari previsti ai fini dell’ottenimento della Licenza Nazionale di Serie C 2021/2022. Precisamente ha riscontrato che la suddetta società ha depositato una garanzia fideiussoria di euro 350.000 (beneficiario Lega Pro) rilasciata da “Credit Glorious Property Holdings Limited London”; tale garanzia, peraltro trasmessa via Pec in copia (pdf) e priva di sottoscrizione digitale, risulterebbe rilasciata da società finanziaria del gruppo “Glorious Property Holdings Limited”- non iscritta all’Albo Unico ex 106 TUB presso la Banca D’Italia”. La Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi ha riscontrato, invece, il rispetto dei criteri infrastrutturali e dei criteri sportivi-organizzativi. Considerato che l’Fc Messina non ha soddisfatto tutti i requisiti è stata respinta la domanda di ammissione al campionato di Serie C. Il presente provvedimento è impugnabile con ricorso innanzi al Collegio di Garanzia dello Sport presso il CONI”.

Successivamente, aggiungiamo, il Football Club Messina potrà ricorrere alla giustizia amministrativa, ma in qual caso l’ammissione alla Serie C potrebbe eventualmente risultare in soprannumero.

Sezione: Fc Messina / Data: Mer 28 luglio 2021 alle 22:04
Autore: Antonio Billè / Twitter: @antobille
vedi letture
Print