Acquedolci-Cephaledium, un tempo ciascuno e lo 0-0 non si sblocca

Risultato giusto nel match clou. Il vice presidente biancoverde Natoli: "Le squadre hanno dimostrato di meritare il primato". Il presidente giallonero, Barranco: "Squadre penalizzate dal campo"
02.12.2018 20:47 di Gino Pappalardo  articolo letto 202 volte
Acquedolci-Cephaledium, un tempo ciascuno e lo 0-0 non si sblocca

Finisce a reti bianche il big-match del girone B: al “Latteri-Scaffidi”, la sfida d’alta quota tra Acquedolci e Cephaledium non regala gol e le due squadre continuano così la loro marcia in vetta.
Partita combattuta soprattutto a centrocampo su un terreno di gioco che, ai limiti della praticabilità, ha reso difficile impostare vere manovre offensive. Un tempo ciascuno e, alla fine, biancoverdi e gialloneri si sono accontentate di un punto. 
Senza gli squalificati Calafiore e Frisenda, mister Perdicucci schiera un 4-2-3-1 con Carbonetto unica punta, mentre mister Ferrara opta per il 4-3-3 nonostante le assenze per squalifica di Cipolla e Marco Clemente

Comincia meglio l’Acquedolci: Bontempo serve Monastra che, davanti a Mortillaro, che riesce a superarlo. Ci prova Collura, su traversone di Galati, ma da buona posizione spara alto, e poco dopo anche Iuculano, ma la sua punizione dal limite, prima, si infrange sulla barriera, poi, si impenna e diventa insidiosa per il portiere che, comunque, riesce a mandare in angolo.
Nella seconda frazione si fanno vedere con maggior determinazione anche i palermitani, che sfiorano il vantaggio con Sferruzza e Giampiero Clemente, ma Chiaramonte fa buona guardia. Le condizioni del campo influiscono, le due squadre fanno fatica e, alla fine, lo 0-0 non cambia fino al triplice fischio, consegnando un pari che permette ad Acquedolci e Cephaledium di restare al comando con 29 punti. 

Una sfida molto combattuta e le due squadra hanno dimostrato di meritare il primo posto”, ha commentato nel post gara il vice presidente biancoverde, Carlo Natoli, rammaricato perché – ha aggiunto – “le condizioni critiche del terreno di gioco non hanno permesso una buona circolazione della palla. Una partiti equilibrata e lo 0-0 è un risultato giusto”. Quarto pareggio consecutivo per i biancoverdi che, sabato, saranno impegnati nel derby contro l’Acquedolcese: “Sarà una prova difficile - ha concluso il vice presidente - ma abbiamo le carte in regola per continuare a lottare per il vertice”.
Usciamo con un pari che, tutto sommato, è il risultato che rispecchia quanto mostrato dalle due squadre e che hanno giocato un tempo per parte”, ha commentato, invece, Giuseppe Barranco presidente della Cephaledium: “Nel primo tempo si è visto un buon Acquedolci, nel secondo tempo grande Cephaledium. Le due squadre sono state penalizzate dal campo pesante e le doti tecniche ne hanno risentito, ma sono contento del pareggio, della partita e, soprattutto, per i tifosi”.

ACQUEDOLCI-CEPHALEDIUM 0-0

Acquedolci: Chiaramonte, Travaglia, Aiello (22’ st Mercurio), Naro, Siragusa, Monastra (31’ pt Gullà), Bontempo, Carbonetto, Iuculano (16’ st Di Pietro), Collura (16’ st Alessandro), Galati. A disp.: Lionetto, Marguglio, La Marca, Blogna. All.: Perdicucci
Cephaledium: Mortillaro, Portera, Gatta, Arlotta, Di Franco, Sardina, Mocciaro (29’ st Zangara), Tinnirello, Fazio, Clemente P., Sferruzza (32’ st Levantino). A disp.: Fiduccia A., Fiduccia D., Alberti, Damiano, Napolitano, Prestigiacomo, Pitissi. All.: Ferrara
Arbitro: Barmasse di Aosta