Messina, altra condanna per la vertenza di Jens Janse

Il centrocampista olandese ha presentato ricorso e attende il pagamento di 10 mila euro. Trenta giorni di tempo per la società
04.06.2019 13:28 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Jens Janse
Jens Janse

Nell’incertezza generale del calcio messinese, tra accordi a tre (Acr, CdM e Camaro) sempre più improbabili e nuovi contatti tra Sciotto e l’imprenditore Rocco Arena, al club biancoscudato non mancano mai i problemi di natura economica.

E così, dopo le vertenze dei mesi scorsi dei vari tesserati come Rosafio, Bruno, Yeboah o Russo, l’ultimo a presentare il conto è Jens Janse. Il centrocampista olandese di 32 anni, arrivato a dicembre in riva allo Stretto collezionando una decina di presenze ma senza lasciare il segno, ha presentato reclamo alla Commissione Accordi Economici della Lnd per richiedere il pagamento di 10 mila euroa titolo di residuo del compenso globale lordo, in forza dell’accordo economico sottoscritto in relazione alla stagione sportiva 2018/2019”.

Ricorso accolto e condanna per l’Acr Messina che, adesso, avrà 30 giorni di tempo per saldare e dimostrare di aver effettuato il pagamento all’ex tesserato.
Un’altra grana da risolvere per la società di Sciotto che, a metà maggio, prima della finale di Coppa Italia, aveva annunciato l’accordo con 18 calciatori. Sei tesserati in stand-by e, quindi, tra questi anche l’olandese Janse, che ha preferito la via della vertenza: si dovrà capire se con gli altri cinque la trattativa sia andata a buon fine o siano in arrivo altre condanne.