Gambino e Ghartey puniscono un Camaro distratto. Scordia ok 2-1

Nell'andata dei quarti di Coppa Italia, i neroverdi regalano il primo tempo e vanno sotto 0-2. Buona reazione nella ripresa, ma il meritato gol di Mondello su rigore arriva solo all'88'. Espulso Arena
07.11.2018 14:33 di Antonio Billè Twitter:   articolo letto 1115 volte
Gambino e Ghartey puniscono un Camaro distratto. Scordia ok 2-1

Il Camaro torna in casa a tre giorni dalla bella vittoria interna contro il Paternò per affrontare in Coppa Italia il Città di Scordia.

Tre incroci in 14 giorni tre le due formazioni, che si sfideranno anche domenica all'Aldo Binanti e il prossimo 21 novembre, nuovamente nell'impianto scordiense, per il ritorno dei quarti di finale. Out Cappello, Petrullo e Kah.

Lucà mischia le carte e torna al tridente, affidato ai tre juniores Costa ('00), De Luca ('01) e Giuseppe De Marco ('01).

La cronaca:
Primo tempo
: Gara appena iniziata al Marullo-Despar Stadium. Al 6' improvvisa accelerazione di Calabrese che sfrutta l'avanzata di Gìnagò per trovare strada libera: l'esterno ospite entra in area, tenta il dribbling su Cammaroto, ma il centrale neroverde è attento e puntuale nell'intervento in scivolata e salva in corner. Città di Scordia ben più pericoloso, tre minuti dopo, quando Provenzano sventaglia per Gambino che calcia di prima intenzione in diagonale e non trova la porta per questione di centimetri. Premono gli ospiti e al quarto d'ora passano in vantaggio: penetrazione centrale di Baglione, tocco per Sangare che smarca Gambino, bravo a scattare alle spalle della difesa e a battere Mannino con un potente diagonale. Lunga fase di stanca dopo il gol, il Camaro non riesce a creare pericoli dalle parti di Pandolfo, mentre lo Scordia, che prova spesso a ripartire in contropiede, è contenuto agilmente da Cammaroto e Morabito. Al 23' cambio forzato per mister Serafino, costretto a rinunciare all'infortunato Licata, al suo posto c'è Buonapasqua che, al primo contrasto con Arena, rimedia una botta involontaria all'arcata sopraccigliare e deve lasciare il campo. Le cure mediche del caso dureranno quasi dieci minuti, nel corso dei quali gli scordiensi amministreranno il gioco con tranquillità, senza soffrire l'inferiorità numerica. L'arbitro concede quattro minuti di recupero e, proprio all'inizio dell'ultimo di questi, il Camaro va a un passo dal pareggio: De Luca sfonda a destra, cross per Calogero che salta altissimo, spiazza Pandolfo con un preciso colpo di testa, ma trova il provvidenziale salvataggio sulla linea di Guida. Sul rilancione della difesa, la palla arriva sui piedi di Ghartey, che parte in progressione e, nonostante Cammaroto lo costringa sull'esterno, trova da dentro l'area, ma da posizione defilata, un diagonale chirurgico su cui Mannino non può nulla. Si va al riposo sullo 0-2.

Secondo tempo: Si riparte con un doppio cambio tra le fila del Camaro: Assenzio e Paludetti prendono il posto di Spoto e Costa. Gara più viva in quest'avvio di ripresa: al 3' l'arbitro vede una deviazione di Mannino (che non c'è) sul tiro alto di Cosentino e concede il corner. Proteste neroverdi, acuite poi, sul capovolgimento di fronte, da un presunto tocco di mano in area di Buonapasqua sul cross di Paludetti. Per Testaì non c'è nulla e, nell'ennesimo cambio di fronte, lo stesso centrocampista scordiense classe '99, riceve una verticalizzazione di Gambino, entra in area, ma strozza il diagonale e Mannino può tirare un sospiro di sollievo. Cresce il Camaro e all'8' Assenzio spreca una buona chance mandando alto di testa un preciso cross di Mondello. Break di Calogero due minuti dopo, apertura per Giuseppe De Marco, cross basso per Paludetti che calcia dal limite dell'area piccola, ma trova la provvidenziale respinta col corpo di Tornatore. La qualità del gioco del Camaro si è alzata notevolmente e al 17' Mondello pennella per la testa di Paludetti che colpisce bene di testa, ma manda la palla di un soffio a lato. Nel momento di maggiore pressione offensiva del Camaro, al 25', Arena becca il secondo giallo della sua partita (entrambi per proteste) e lascia i suoi in dieci. Al 43' il Camaro accorcia meritatamente le distanze: cross di Ginagò, buco di Pandolfo che favorisce Campo, botta precisa e potente che Guida salva ancora sulla linea, si avventa sulla sfera Calogero, contrastato e messo giù da Cosentino. Per l'arbitro è rigore e dal dischetto Mondello non sbaglia. Al 48' neroverdi a un passo dal pareggio: lancio in profondità di Mondello, Paludetti scatta alle spalle della difesa e prova a beffare Pandolfo con un morbido tocco d'esterno, ma il portiere dello Scordia mostra grandi riflessi e salva tutto con una plastica deviazione in tuffo. Sarà l'ultima emozione della gara: il Camaro regala il primo tempo e cede 2-1 nell'andata dei quarti di finale di Coppa Italia. Città di Scordia sornione e bravo a capitalizzare la uniche palle gol della propria gara. Buona la reazione neroverde nella ripresa con il rigore trasformato da Mondello che lascia ancora uno spiraglio aperto nel discorso qualificazione.

Camaro-Città di Scordia 1-2
Marcatori
: 15' pt Gambino, 49' st Ghartey, 43' st Mondello (C, rig.)

Camaro: Mannino, Ginagò, Mondello, Spoto (1' st Assenzio), Cammaroto (25' st Campo), Morabito, De Luca (14' st Gio. De Marco), Calogero, Costa (1' st Paludetti), Arena, Giu. De Marco (30' st Muscarà). A disposizione: Sanneh, Morreale, D'Amico, Falcone. Allenatore: Michele Lucà.

Città di Scordia: Pandolfo, Messina, Cosentino, Provenzano, Tornatore, Guida, Licata (23' st Buonapasqua), Baglione, Gambino (33' st Conti), Ghartey (9' st Floridia), Sangare. A disposizione: Catanese, Aleo, Carrera. Allenatore: Natale Serafino.

Arbitro: Salvatore Marco Testaì di Catania
Assistenti: Sebastiano Antonio Grasso e Alessio Reitano di Acireale

Ammoniti: Ginagò (C), Giu. De Marco (C), Arena (C), Baglione (S), Cosentino (S)
Espulso al 25' st Arena (C, doppia ammonizione)