Messina, Zappalà: “Serviva un po’ di riposo”. Oggi test a Giammoro

Il difensore ex Sancataldese ha parlato al sito ufficiale: “Stiamo carburando, ora si vedranno i risultati”. Dopo la seduta mattutina al Despar Stadium, nel pomeriggio amichevole con la juniores
30.12.2018 11:45 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Giuseppe Zappalà
Giuseppe Zappalà

70 minuti col Troina poco dopo esser stato ufficializzato. Poi, Giuseppe Zappalà è diventato un autentico baluardo della difesa messinese con cinque presenze da titolare e un passivo di appena un gol subito, costato però la sconfitta proprio contro nella gara da ex con la Sancataldese.

Il centrale catanese, alla ripresa degli allenamenti, ha rilasciato un'intervista al sito ufficiale del Messina: “Ci volevano questi tre giorni di riposo. Nell’ultimo mese abbiamo lavorato intensamente con impegni ogni tre giorni ed era importante staccare soprattutto mentalmente per ricaricare le batterie”.

Adesso, nuovi schemi da affinare e la voglia di trovare quella continuità del tutto assente in questa stagione: “Sto notando nel gruppo la predisposizione a fare bene e a tirarci fuori da questa situazione. Stiamo lavorando insieme e non era praticamente mai accaduto perché da quando sono arrivato ci sono state partite ogni tre giorni con la squadra che sembrava un cantiere aperto e giocatori che andavano e venivano. Non c’è stato mai il tempo di provare nulla. Adesso stiamo carburando e si iniziano a vedere i primi risultati, non è un caso che nelle ultime cinque partite abbiamo subito solo un gol. Sappiamo che dobbiamo migliorare in fase realizzativa ma stiamo lavorando anche per quello”.

Dopo la seduta mattutina al Despar Stadium, diventato il punto fermo degli allenamenti al pari del San Filippo, nel pomeriggio il Messina disputerà un’amichevole a Giammoro contro la formazione juniores. Poi il rompete le righe e, alla ripresa, la difficile gara di Bari: “Col Rotonda - conclude Zappalà - sembrava una partita scontata, ma come sempre questo tipo di gare sono le più difficili. A Bari sappiamo a cosa andiamo incontro e questi match sono i più semplici da preparare, non hai bisogno di caricarli dal punto di vista degli stimoli”.