Il Rodì Milici conferma la Prima categoria: "Obiettivo raggiunto"

I verdetti ufficializzati dalla Lega Nazionale Dilettanti hanno sancito definitivamente la conclusione della stagione 2019/2020 e il club rossoblù può festeggiare la terza salvezza consecutiva
30.06.2020 10:23 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Il Rodì Milici conferma la Prima categoria: "Obiettivo raggiunto"

Il Rodì Milici sarà ai nastri di partenza del prossimo campionato di Prima categoria. La cristallizzazione delle classifiche e i verdetti ufficializzati ieri dalla Lnd hanno sancito un verdetto che, comunque, non era più in discussione: “È ufficiale. Per il terzo anno consecutivo otteniamo la salvezza nel campionato di Prima Categoria”.
È l’annuncio, pieno di entusiasmo, della società rossoblù che ha concluso la stagione all’undicesimo posto con 17 punti, cioè lontano dall’ultimo posto e fuori dalla zona play-out: “Eravamo già salvi prima che la pandemia fermasse tutti e tutto e, obiettivamente, a poche giornate dalla fine, avendo affrontato tutte le squadre di vertice e con parecchi scontri diretti in casa, non sarebbe stato impossibile salvarsi in grande anticipo. È stato un anno di ulteriore cresciuta per i nostri ragazzi che, sotto la sapiente guida di mister Carmelo Milici, hanno acquisito ulteriore esperienza e consapevolezza della loro forza. Qualche vicissitudine dovuta all’indisponibilità del “Jarrisi”, l’infortunio di qualche giocatore chiave e la partita persa a tavolino contro il Mistretta hanno condizionato il nostro campionato in termini di classifica che poteva essere ben diversa, ma la salvezza posta come obiettivo stagionale non è stata mai in pericolo effettivamente”.

Un’ulteriore riconferma del buon lavoro e dell’impegno di tutto il club, dalla dirigenza alla squadra che sul campo ha raggiunto il traguardo: “Tante le note positive e ne citiamo solo alcune: gli 11 gol del nostro bomber Gabriele Torre, diventato ormai leader e uno dei più forti attaccanti della categoria, i 6 gol dell’attaccante juniores locale Francesco Motta, l’intera crescita del pacchetto arretrato guidato da capitan Francesco Trifilò che, al suo rientro dopo la lunga squalifica, ha conferito peso specifico alla retroguardia, il campionato sopra le righe del nostro portiere Salvatore Torre, ottimamente sostituito all’occasione dal giovanissimo 2002 Salvo Fazio su cui la società crede fermamente. E ancora tanti altri aspetti che ci rendono fiduciosi e orgogliosi di avere un gruppo solido e giovane”.