Finale al "Raiti": il Città di Messina batte anche il Biancavilla

La squadra di mister Furnari si conferma prima della classe anche nello scontro diretto e vola a +12 sugli avversari e mantiene il +9 sul secondo posto del Città di S.Agata. Decide Cardia su rigore
11.03.2018 17:06 di Gregorio Parisi Twitter:   articolo letto 3198 volte
Finale al "Raiti": il Città di Messina batte anche il Biancavilla

Il giorno dei giorni: il Città di Messina è ospite del Biancavilla per blindare il primo posto e mettere in ghiaccio la promozione diretta in Serie D. Al Raiti due risultati su tre a disposizione per il gruppo di Peppe Furnari, che arriva allo scontro diretto con nove punti di margine sui catanesi e sul Città di Sant'Agata, impegnato contro il Giarre. Dirige il fischietto perugino Alessio Ferranti coadiuvato dagli assistenti Pietro Anile e Rinaldo Maria Wissam Saab, entrambi di Acireale.

La cronaca
Primo tempo: Un commovente minuto ei raccoglimento apre il big match. Città in maglia bianca e seguito al Raiti da una cinquantina di supporter.
Primi cinque minuti senza lampi. Le squadre si danno battaglia pressando alto ma per i primi sette minuti non succede nulla. Al 7', però, Codagnone riceve al limite e si libera di un avversario che lo stende in area: è rigore che un minuto dopo realizza Ciccio Cardia, Città subito in vantaggio. La risposta dei locali è timida e affidata al mancino di Randis che Paterniti neutralizza al 12'. Il Città quando si fa vedere in avanti è sempre pericoloso: al 14' Lo Giudice dalla bandierina trova la spiazzata di Silvestri che non inquadra la porta. Si scaldano un po' gli animi in campo per qualche intervento scomposto ma tutto nella norma. Al 17' Cardia prova il mancino dal limite ma la sfera si perde a lato. La squadra di Furnari per ora domina il centrocampo, il Biancavilla soffre e al 19' le difficoltà di casa emergono quando Lucarelli, dopo un bel recupero in tackle, fa partire un tiro senza pretese dalla sua metà campo che arriva debolmente dalle parti di Paterniti. Un bel sole e l'ingresso gratuito hanno spinto tanti sostenitori a venire a supportare il Biancavilla, ma i locali tardano a ingranare. Al 26' però arriva l'occasione del pari con Guerriera steso in area: è rigore per il Biancavilla ma Paterniti si trasforma nell'uomo ragno per respingere il tiro dal dischetto di Randis. Il successivo tentativo di tap-in si perde a lato, il Città tiene il vantaggio. Superato il brivido, il Città reagisce: Costa ruggisce e ruba un pallone servito in profondità a Lo Giudice, fermato in angolo. Troppo nervosa al momento la squadra di mister Napoli, che soffre la freschezza giallorossa oltre al peso specifico dei tre punti, fondamentali per alimentare il sogno della rincorsa al primo posto e anche per tenere la seconda piazza, attualmente condivisa con il Sant'Agata. Al 40' ancora Città con il cross da piazzato di Fragapane alzato in corner da un difensore ospite con la sfera che non si perde di molto a lato rispetto alla porta difesa da Pappalardo. Napoli dalla panchina si sbraccia quasi come fosse alla PlayStation per indicare i movimenti ai suoi, ma il Biancavilla oggi, al momento, sembra non esserci né tatticamente né mentalmente: al 43' Lo Giudice spara dai 25 metri, Pappalardo salva in angolo. Impressionante il pressing ospite, asfissiante ed efficace: in tutto il primo tempo sono davvero poche le seconde palle vinte dai locali. Un minuto dopo Codagnone resta a terra, Cardia spazza con l'intenzione di mettere fuori per far soccorrere il compagno e Orefice, non avendo probabilmente notato la situazione, intercetta e prova a involarsi ma il recupero di Fragapane evita guai peggiori. Con gli ospiti momentaneamente in dieci, al 47', occasione per il Biancavilla ma Guerriera non riesce a trovare l'impatto giusto con la sfera sul cross da sinistra e manda alto. Il primo tempo si chiude con il vantaggio del Città di Messina, per quanto visto in campo forse lo 0-1 sta anche stretto a una squadra che, al momento, ha annullato la seconda forza del campionato. Vantaggio di Cardia su rigore, pari mancato da Randis con Paterniti bravo ancora su un tiro dal dischetto.

Secondo tempo: Si ricomincia con Scalia che lascia il posto a Savanarola. Rafforza il reparto offensivo mister Napoli, ma la prima occasione è ospite e quasi casuale, perché un rinvio da centrocampo di Bombara esce qualche centimetro sopra la traversa. Il Biancavilla sembra avere qualche soluzione in più con l'ex Messina in campo, e proprio lui al 3' ispira di tacco Strano che calcia male e Paterniti blocca senza problemi. La sfuriata iniziale dei locali non c'è e il Città riprende il suo gioco con Lo Giudice che costringerà verosimilmente Indelicato a prendere qualcosa per il mal di testa a fine partita. I giallorossi giocano con la testa leggera e proseguono nel pressing massiccio che costringe spesso e volentieri il Biancavilla all'errore. Proteste al 12' per un intervento in area su Lucarelli. Inizialmente sembra che l'arbitro indichi il dischetto, ma si riprende con una rimessa dal fondo, decisione probabilmente più corretta. Al 20' Paterniti è strepitoso nell'opporsi a Randis che, dal limite dell'area piccola, sfiora il pari, l'estremo giallorosso però si supera e ribatte con i pugni quello che sembrava un gol fatto. Fase di stanca nel match. Il Biancavilla dopo l'occasione salvata da Paterniti sembra essersi nuovamente spento, mentre il Città continua a gestire come fatto con ottimo profitto nei primi 73 minuti di gioco. La partita scorre senza sussulti ma al 37' c'è un brivido per gli ospiti con la traversa colpita dal Biancavilla: Lucarelli calcia una punizione da sinistra, un difensore giallorosso in spaccata alza la traiettoria e colpisce la trasversale. Pericolo scampato per i giallorossi. Al 43' sfiora il bis la squadra di Furnari con un contropiede orchestrato da Costa, scarico sulla destra per Rasà il cui tiro viene smorzato in corner. Cinque minuti di recupero per le residue speranze locali, con Diop ora a fare il centravanti aggiunto. Proprio Diop al 47' sciupa clamorosamente un contropiede concludendo debolmente in bocca a Paterniti.
Il Biancavilla si scioglie davanti alla capolista: il Città di Messina torna a casa con tre punti, frutto dello 0-1 firmato Cardia ma, soprattutto, di una prova autoritaria, da prima della classe vera che ha lasciato davvero solo le briciole a un Biancavilla adesso in crisi vera e che rischia di scivolare ulteriormente in classifica. Al "Raiti" è festa giallorossa ma per la Serie D si dovrà ancora attendere un paio di giornate.

BIANCAVILLA-CITTA' DI MESSINA 0-1
Marcatori: 7' (rig.) Cardia (CdM)

Biancavilla: Pappalardo, Orefice (45' st Spampinato), Scalia (1' st Savanarola), Strano (17' st Caruso), Diop, Parisi, Guerriera, Lucarelli, Randis, Genovese (27' st Russo), Indelicato. A disposizione Benfatta, Faro, Chiavaro. Allenatore Napoli
Città di Messina: Paterniti, Di Stefano, Fragapane (38' st Quintoni), Leo S., Filistad, Bombara, Silvestri (23' st Alessandro), Cardia, Codagnone (48' pt Rasà), Lo Giudice (45' st Princi), Costa. A disposizione: Maisano, Porcino, Di Vincenzo. Allenatore: Furnari
Arbitro: Ferranti di Perugia
Assistenti: Anile e Wissam Saab di Acireale
Ammoniti: Leo S. (CdM), Guerriera (B), Parisi (B)
Recupero: 2' e 5'