Gescal, Panarello: "Stagione al di sotto delle aspettative, ma finita bene"

Il presidente dei biancoverdi ha analizzato il torneo appena concluso con una sofferta salvezza. Si valuteranno gli errori commessi per programmare il futuro, sempre con il confermato mister Di Maria
09.04.2019 11:23 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Panarello e Di Maria
Panarello e Di Maria

“Finalmente è finita e non vedevamo l’ora perché è stata una stagione molto sofferta e con diversi problemi, ma è andata bene”, sono le parole del presidente del Gescal, Francesco Panarello, che dopo l’ultima gara di campionato contro il Villafranca Messana, ha fatto un bilancio conclusivo dell’annata.

“Sicuramente al di sotto delle aspettative, perché eravamo partiti con altri obiettivi e presupposti, ma non si è creato quel feeling giusto con vari elementi della squadra, ci sono stati alcuni problemi e a dicembre alcuni sono andati via, scegliendo di rimanere con quelli più giovani e affrontando la stagione così”, ha aggiunto il massimo dirigente della formazione biancoverde che, fino alla fine, ha dovuto sudare per ottenere la salvezza. Obiettivo raggiunto solo alla penultima giornata, nello scontro diretto con il Città di Torregrotta, che ha sancito la salvezza grazie all’ampio distacco sui rossoblù: “Il carattere - ha sottolineato Panarello - è uscito nella gara decisiva, tutti sono riusciti a stringersi, a fare gruppo nella partita fondamentale. Alla fine, siamo riusciti a vincere e il ringraziamento va a tutta la squadra che ha creduto sempre nella salvezza”.

E, oltre la permanenza in Promozione, la nota positiva sono sicuramente i tanti giovani utilizzati nel corso della stagione e, in particolare, il caso di Paolo Marino è emblematico: “Sicuramente è il più eclatante, è il gioiellino di famiglia perché è cresciuto con noi. Ha ottenuto ottimi risultati, anche a livello nazionale. La nota positiva sono gli juniores – ha ribadito il presidente - sono stati esemplari e hanno fatto il loro dovere. Per il resto, abbiamo avuto diversi problemi ma anche io mi assumo le mie responsabilità perché ho commesso i miei errori”.

Conclusa la stagione si dovrà pensare alla prossima. Ci sarà tempo per riorganizzarsi ma si riparte da due certezze: “Con mister Di Maria abbiamo avviato un progetto che continuerà e lui è confermato sicuramente. La base saranno i giovani e, poi, in sede di campagna acquisti, vedremo come integrare nel modo giusto, ma i nostri giovani sono il punto di partenza e su di loro puntiamo tantissimo”.