Festa Vibonese, la Serie C è tua! Troina sconfitto ai calci di rigore

Gioia meritata per i calabresi che conquistano sul campo quanto perso appena un anno fa. Gara viva, nonostante lo 0-0. Palo di Allegretti e gol annullato ad Alves. I siciliani contestano l'abitraggio
 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 1199 volte
Festa Vibonese, la Serie C è tua! Troina sconfitto ai calci di rigore

Dopo un anno di sacrifici e sofferenze nel purgatorio della Serie D, la Vibonese vince ai rigori lo spareggio con il Troina e torna meritatamente tra i professionisti. Al Granillo di Reggio Calabria, le due squadre si affrontano a viso aperto, ma chiudono i 120’ sullo 0-0: dal dischetto, poi, sono più freddi i calabresi che realizzano tutte le cinque conclusioni ed esultano per il tiro alto di Giacomo Fricano, cui fa seguito la decisiva trasformazione dell’argentino Alan Arario.

Pagana schiera il proprio Troina con il 3-5-2, Orlandi risponde con il consueto 4-3-3. Subito una chance per parte nel primo quarto d’ora: all’11’ De Col crossa per Vazquez che gira di prima con il mancino e trova la parata in tuffo di Mengoni; al 15’ controffensiva di Ciotti, tocco per Bubas e diagonale che termina di poco a lato. La prima frazione, di fatto, è tutta qua e in avvio di ripresa è la Vibonese a partire meglio e ad andare vicina al vantaggio con un colpo di testa alto di Ba e, soprattutto, con un palo clamoroso colpito da Allegretti al 55’. Il Troina reagisce subito e un minuto Souare serve Vazquez che in diagonale sfiora il bersaglio grosso: l’occasione fa prendere coraggio ai siciliani che non sfruttano, però, il miglior momento sul piano emotivo e al 71’ rischiano su Bubas che crea un’azione dal nulla e con il sinistro a giro mette paura a Van Brussel. Le squadre si annullano, ma proprio in pieno recupero un errore in disimpegno della difesa calabrese favorisce Melillo che da un ventina di metri conclude di poco fuori.

Si va ai supplementari e il Troina appare più coraggioso rispetto alla Vibonese, tanto che poco dopo l’inizio del secondo tempo serve un super salvataggio di Altobello su Alves e, poi, il tiro a giro dello stesso argentino classe 2000 supera Mengoni, ma il gol viene annullatoa per una sospetta posizione di fuorigioco. Forti le proteste dei siciliani che ci credono, ma al 119’ Ba compie un clamoroso salvataggio in rovesciata e manda le due squadre ai calci di rigori. Dal dischetto segnano, nell’ordine Obodo, Giovanni Fricano, Franchino, Tuninetti, Silvestri, Vazquez e Bubas; sbaglia Giacomo Fricano calciando alto e decide tutto Arario.