Calcio a5, C1: La Pgs cade a Catania, lo Sporting si impone 4-1

L'iniziale rete di Fiumara illude la copagine guidata da Erminio Fazio, costretta a subire la rimonta etnea
 di MNP Redazione Twitter:   articolo letto 79 volte
Fonte: Pgs Luce
Calcio a5, C1: La Pgs cade a Catania, lo Sporting si impone 4-1

Nella settima giornata del campionato di serie C1, la Pgs Luce cede per 4-1 in casa dello Sporting Catania. Tanti gli assenti per i messinesi che devono ancora fare a meno del capitano Costa, del jolly Di Nuzzo e dell’infortunato Branca, a cui si aggiungono Smedile, Pannuccio e l’acciaccato Zingale che, comunque, figurano tra i convocati. Inizia bene la Pgs che nei primi minuti ha la possibilità di portarsi in vantaggio dalla distanza prima con Abate, ma la palla finisce di poco sopra la traversa, e poi con Granata, che trova la risposta del portiere avversario. I padroni di casa rispondono immediatamente agli attacchi avversari con una punizione di Milio, intercettata facilmente da Fiumara. I ragazzi di Fazio giocano la carta del portiere di movimento, e al 10’ Fiumara si invola per vie centrali e insacca la palla nel sette, portando i suoi sull’1-0.  Lo Sporting Catania, squadra ben organizzata, aumenta l’intensità, rendendosi pericolosa in più occasioni e al 18’ Pellegrino trova la rete del pareggio. La gara è molto viva e si susseguono continui cambi di fronte, lo Sporting Catania ha l’opportunità di siglare il raddoppio con Giardinaro, ma Fiumara devia in angolo. Per la Pgs è ancora Granata, ottima prova la sua, ad andare vicino alla rete, ma la palla finisce di poco a lato del palo. La prima frazione di gioco termina sul punteggio di 1-1.

Nel secondo tempo i padroni di casa sono più propositivi, provano spesso la soluzione da fuori e vanno vicini alla rete grazie ad una punizione dal limite di Musumeci neutralizzata da Fiumara. La Pgs non vuole farsi schiacciare nella propria metà campo e costruisce alcune occasioni con Abate e Lauro ma al 49’ sono i catanesi ad andare in gol con Di Prima sull’unica vera disattenzione difensiva. I ragazzi di Fazio reagiscono subito con Zingale, e due minuti dopo devono fare i conti anche con la sfortuna, lo stesso Zingale avanza in contropiede passa la palla a Lauro che mette in mezzo per Abate che sfiora soltanto e, dopo una carambola tra la traversa e un compagno, Pacini riesce a far suo il pallone. Ci prova ancora Abate, ma Pacini è insuperabile, ma nel suo momento migliore sono ancora i padroni di casa ad andare in rete al 27’ con Giardinaro e allo scadere Siracusa sigla il definitivo 4-1. Complimenti allo Sporting Catania, squadra corretta dentro e fuori dal campo. Altra nota dolente l’infortunio, l’ennesimo, di Bucca. Buona la prova della coppia arbitrale.