La scorsa settimana si è riunita la proprietà dell'Usd Messana 1966 per iniziare a pianificare la prossima stagione sportiva e la ripresa delle attività, sospese a causa dell'emergenza Covid. In cima agli argomenti ovviamente la questione campi da gioco, punto focale per lo sviluppo che si estende dalla prima squadra al settore giovanile. La carenza strutturale pubblica mette in difficoltà la realtà giallorossa, così come le altre cittadine di Promozione che al momento rappresentano la massima espressione del movimento calcistico dilettantistico nel capoluogo

Comunque la dirigenza è già attiva per farsi trovare pronta all'avvio della nuova stagione agonistica. Praticamente completata l'iscrizione, per la 55esima volta consecutiva con la stessa matricola, la più antica della città. All'appello manca proprio l'indicazione del campo sportivo per la disputa delle gare ufficiali: il club spera di individuare una struttura sul territorio per continuare a fare calcio a Messina, in alternativa la soluzione è il Bucalo di Santa Teresa di Riva. La Messana, che domani parteciperà alla seduta della commissione comunale proprio in materia impianti, spera di poter trovare comunque un'intesa assieme agli enti preposti, per rilanciare anche le attività di base.

Nei prossimi giorni, inoltre, saranno rese note tutte le novità a livello di assetti societari, dirigenziali e tecnici. Secondo quanto filtra, potrebbero esserci un ulteriore rafforzamento tra i soci, mentre sul piano operativo l'idea è mantenere la stessa intelaiatura inserendo 1-2 tasselli in grado di elevare il livello operativo. Per quanto riguarda la prima squadra, si va verso la conferma di mister Michele Lucà mentre rispetto all'organico l'idea sarebbe quello di intervenire con 1-2 puntelli massimo per reparto. Non ci saranno dunque rivoluzioni rispetto alla rosa che stava facendo bene negli ultimi due anni. 

Sezione: Promozione / Data: Mer 21 luglio 2021 alle 08:43
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print