Tre giovani per il Città di S.Agata: Collura, Occhiuto e Di Bartolo

Il club biancoazzurro ha tesserato Mattia Collura, centrocampista classe 2001, Lorenzo Occhiuto, difensore del 2001 e Benedetto Di Bartolo, attaccante classe 1996
19.07.2019 14:32 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: A.C.D Città Di Sant'Agata
Collura e Meli
Collura e Meli

La campagna rafforzamenti del Città di S.Agata: oltre all’ingaggio di pezzi pregiati e di comprovata esperienza, il club si sta muovendo anche e soprattutto all’insegna della linea verde, alla ricerca di giovani di qualità. In tal senso negli ultimi giorni la dirigenza ha concluso l’accordo con altri tre ragazzi non solo di ottimo valore tecnico, ma che anche dal punto di vista umano e che hanno dimostrato voglia di credere fortemente nel progetto biancoazzurro.

Si tratta di Mattia Collura, centrocampista juniores del 2001, proveniente dall’Asd Acquedolci, con cui ha disputato lo scorso campionato di Promozione, Lorenzo Occhiuto, difensore esterno, anch’egli juniores 2001, proveniente dalla Torrenovese in Promozione e infine Benedetto Di Bartolo, attaccante, classe 1996, reduce dall’esperienza in Promozione con l'Acquedolcese, già a Sant’Agata da giovanissimo e con una buona esperienza già maturata nei tornei dilettantistici.

“Sono molto contento di giocare per la squadra del mio paese – afferma Mattia Collura – non vedo l'ora di cominciare a lavorare insieme a mister e compagni. Sono sicuro che questa avventura mi farà crescere sia sotto l'aspetto umano che calcistico. Da santagatese sono pronto a dare il 200% e fare di tutto per aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati”.

So di arrivare in una società con grande voglia e determinazione e che da 4 anni a questa parte ha sempre fatto stagioni di vertice – dichiara Lorenzo Occhiuto –. Mi ha convinto molto il direttore Meli nell'espormi le idee e il progetto della squadra e della società e mi ha convinto molto anche il fatto di poter lavorare con mister Ferrara. Sono pronto a mettermi alla prova e confrontarmi con compagni e avversari di categoria. Darò il massimo per meritarmi il campo e spero di poter essere utile alla squadra”.

“Tornare a vestire i colori biancoazzurri con i quali sono cresciuto calcisticamente e ho esordito ancora sedicenne, è motivo di grande orgoglio e soddisfazione – ha detto Benedetto Di Bartolo –. Il Sant’Agata è oggi una delle più prestigiose realtà calcistiche della Sicilia e della provincia di Messina. Mi metto a disposizione di mister Ferrara per offrirgli, attraverso la determinazione e l’impegno, una valida alternativa ai tanti grandi giocatori che già compongono il reparto offensivo. Giocare al “Fresina” secondo me è sufficiente per raddoppiare le forze e vivere, con i nostri meravigliosi supporters, una stagione di alto livello se non, addirittura, esaltante”.