Gli ex Messina in campo nel fine settimana in serie A e B

Resoconto sulle gare giocate dagli ex-peloritani nei maggiori campionati
 di Marco Boncoddo Twitter:   articolo letto 506 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Gli ex Messina in campo nel fine settimana in serie A e B

SERIE A

FLOCCARI (BOLOGNA) 6 – Prende parte alla classica sgambata di fine stagione. La sua squadra ed il Chievo, senza più nulla da chiedere alla stagione, evitano di farsi male, mandando in onda una squallida imitazione di una partita di calcio. Lui passeggia un po’ per il campo, in attesa delle vacanze. Inoperoso.

CRIMI (CARPI) 6,5 – Randella come al solito, ringhiando su ogni pallone e rimediando un’ammonizione evitabile. Esce al 59’, sullo 0-2, per Porcari. Mezzo voto in più per la prima stagione in serie A, vissuta tra alti e bassi ma interpretata con impegno ed abnegazione. Merita di rimanere in massima serie. Grintoso.

SERIE B

STORARI (CAGLIARI) 6 – Il suo Cagliari decide di far bella mostra di sè, per festeggiare la promozione dinnanzi al proprio pubblico. Lui, da grande esperto, assiste gaudente svolgendo il minimo indispensabile. Sereno.

PESTRIN (SALERNITANA) 5 – Parte titolare per l’assenza di Odjer, ma la sua partita rispecchia l’andamento della stagione. Si impegna ma il risultato non è per nulla positivo. Cerca di procurarsi un rigore rimediando un’ammonizione e sparacchia qualche tiro verso la porta senza inquadrarla. Tramonto.

CALAIO’ (SPEZIA) 4,5  – Incredibile debacle spezzina in terra lariana. La sua squadra viene abbattuta dal già retrocesso Como e lui, naturalmente, cola a picco con tutta la nave. Rimedia solamente un’ammonizione per uno scatto isterico nei confronti di Giosa. Inguardabile.

DONATI (BARI ) 6,5Camplone non rinuncia alla sua esperienza in un partita così delicata e lui, nel momento topico della partita, mette la grinta giusta per aiutare la squadra ad uscire dal pantano. Saggio.

GIOSA (COMO) 7,5 – Lo ripetiamo dall’inizio della stagione: lui e Ganz sono le uniche note liete dalla disastrosa annata lariana. Davanti ad uno Spezia tramortito, oltre a guidare la difesa con la solita sapienza, si prende il lusso di regalare assist e di andare in rete con un perfetto colpo di testa. Indispensabile per qualunque squadra cadetta. Fondamentale.

RIZZO (PERUGIA) S.V. – Entraall’88’ per sostituire Prcic. Ingiudicabile.