C'è una positività, il Valle del Mela sospende l'attività del settore giovanile

Nota stampa della società tirrenica: "Il tesserato è asintomatico e nei due giorni precedenti alla verifica da parte dell’ASP, non ha preso parte a nessuna delle nostre attività"
02.10.2020 12:17 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
I 2011 del Valle del Mela
I 2011 del Valle del Mela

Il Valle del Mela sospende l’attività del settore giovanile a causa di una positività al Covid-19, seppur in maniera asintomatica, di un proprio tesserato. Di seguito riportiamo l’integrale comunicato stampa diramato dalla società tirrenica:

A seguito di informazioni totalmente errate circolate nelle ultime ore e diffamanti nei confronti della nostra Associazione, siamo costretti a precisare quanto segue. Dopo un controllo domiciliare su un nostro tesserato del Settore Giovanile, comunichiamo a malincuore la sospensione dell’attività di tutto il Settore Giovanile. Teniamo a precisare che il tesserato in questione è asintomatico e che nei due giorni precedenti alla verifica da parte dell’ASP, non ha preso parte a nessuna delle nostre attività. Vi informiamo inoltre, che tramite i protocolli attuati dalla nostra Associazione, in rispetto delle vigenti normative, coloro i quali potessero essere entrati in contatto con il soggetto interessato, sono già stati informati e, se ci sarà di bisogno, verranno contattati direttamente dall’ASP per sottoporsi ai vari controlli. Solo quando avremo esito negativo di tutti i test, l’attività riprenderà normalmente.

Vogliamo inoltre rassicurare tutti i genitori che, a differenza di quanto “chiacchierato” nelle ultime ore, l’attività di tutta la Scuola Calcio e della Prima Squadra, non sarà interessata dai controlli, in quanto dislocata in orari e campi differenti da quelli in cui si è verificato il caso. Siamo contenti nel ribadire, che grazie al numero di strutture dislocate nella zona, siamo gli unici a poter garantire l’utilizzo esclusivo di una struttura per ogni singolo gruppo della Scuola Calcio, evitando l’effetto “pollaio” e di conseguenza la possibilità di contagio.