Torna Cretella (2002) nella formazione titolare dell’Acr Messina che scende in campo a Gagliano Castelferrato per affrontare il Troina. Conferma, poi, per gli altri dieci schierati mercoledì con il Rende. Novelli propone così Caruso (’99) tra i pali, Mazzone (2001), Lomasto, Sabatino e Giofrè (2001) in difesa, Cristiani, Aliperta e Vacca in mezzo al campo con Bollino e Foggia a completare il tridente insieme a Cretella. In panchina si rivede Sabatino, con lui, tra gli altri, anche Cunzi, Lavrendi e Arcidiacono.

La cronaca
Primo tempo
: Troina in divisa bianca con inserti rossoblù, Acr Messina nell'ormai tradizionale divisa rossa con colletto giallo. Poco da segnalare nei primi dieci minuti di gioco: biancoscudati con un evidente predominio territoriale e alla ricerca del pertugio giusto. Molto paziente fin qui il giro palla di Aliperta e soci che cercano sfogo soprattutto sulle corsie esterne. Al 12', al primo vero affondo della gara, Aperi entra in area e cade nel contrasto con Lomasto, l'arbitro lascia giocare tra le vibranti proteste locali. Cresce il Troina che cinque minuti dopo crea due buone palle gol: prima Ficarrotta dalla distanza trova la respinta a terra di Caruso, poi Aperi si gira in area e calcia in diagonale, ma senza inquadrare la porta. Pericolosissimo il Troina al 19': Rizzo si accentra da sinistra, scambia con il solito Aperi che gli restituisce la palla di tacco e calcia col piattone, ma il suo tiro è fermato solo dal palo. Passano tre minuti e l'Acr Messina si porta in vantaggio: Foggia guadagna il primo calcio d'angolo della partita, Bollino pennella sul secondo palo per la testa di Paolo Lomasto che sigla lo 0-1. Secondo gol in campionato per il centrale di Novelli e decimo assist per Bollino. Non è pago l'Acr Messina e al 24', a chiudere una spettacolare azione di squadra, Aliperta inventa un meraviglioso mancino a giro che si insacca sotto l'incrocio. Sesto gol in campionato per l'8 peloritano e Acr Messina che chiude virtualmente la gara dopo un avvio complicato. L'uno-due esalta gli ospiti, vicini al tris con Cretella che però antepone l'assist arretrato verso Foggia alla conclusione e l'azione sfuma. Al 34' ci prova anche Cristiani che, dopo aver recuperato palla sulla trequarti, scambia con Foggia e calcia in diagonale, ma Mbaye salva tutto in spaccata. Sul capovolgimento di fronte si fa rivedere il Troina: Aperi cicca la rovesciata, la palla schizza dalle parti di Aperi (forse in fuorigioco), il cui rasoterra è parato da Caruso con un super intervento. Portiere ospite protagonista anche al 37' con la deviazione a mano aperta sulla velenosa punizione di Ficarrotta. Capitano locale in grande spolvero, al 41' si libera di Giofrè, crossa sul secondo palo, la sforbiciata sbilenca da Aperi si trasforma in un assist per Rizzo, la cui zampata sottomisura è deviata a un passo dalla linea da Lomasto. Viene concesso un minuto di recupero, nel corso del quale Aliperta riceve palla da Bollino e calcia da 25 metri sfiorando solo il palo. Finisce 0-2, Acr Messina cinico dopo il palo colpito da Rizzo e bravo a capitalizzare le prime due occasioni della propria partita, con Caruso che sul fronte opposto è stato grande protagonista sulle iniziative troinesi.

Secondo tempo: Si riparte senza sostituzioni e con l'interno destro di Vacca dal limite, dopo appena 15", che si perde di un soffio a lato. Bella la palla messa in mezzo da Mazzone cui aveva fatto seguito uno splendido velo di Foggia. Agisce di rimessa l'Acr Messina che lascia il pallino del gioco in mano al Troina, ma senza subire azioni pericolose. Al 56' Aliperta sventaglia per Cristiani che salta Ciccone e mette una palla arretrata su cui si avventa Foggia che calcia con potenza, ma Aiolfi blocca di puro istinto. Buona la prestazione oscura del 9 peloritano che guadagna numerosi falli nella propria metà campo facendo respirare i compagni. Fischi arbitrali non graditi da Mascara, allenatore del Troina, che si lascia andare a un eloquente "Il Messina gioca in 12" ignorato dal signor Di Cicco. Al 64' l'Acr Messina cala il tris. Cristiani cavalca in campo aperto, arriva al limite e lascia partire un potente destro che non lascia scampo ad Aiolfi. Secondo gol in stagione per il centrocampista di Novelli. Continuano intanto le proteste di Mascara, ammonito dall'arbitro. Passano quattro minuti e arriva anche il poker messinese. Iniziativa personale di Cretella che riceve da Aliperta, entra in area, si accentra da sinistra eludendo Guerci e Dembele, calcia a giro e infila la sfera nell'angolo, realizzando anche il terzo gol del suo campionato. Sul quadruplo vantaggio Novelli dà spazio a Manfrellotti e Crisci, dentro al 71' al posto di Foggia e Cretella. Sette minuti dopo entra anche Oggiano, che al 78' rileva Bollino. Poi tocca ad Aliperta lasciare il campo a Lavrendi. Poco da segnalare a Gagliano Castelferrato dove la partita resta comunque intensa, con il Troina che non vuole mollare e inanella cartellini gialli. All'88' si rivede in campo anche Arcidiacono, assente dalla stracittadina, che rileva Vacca vittima di crampi. Vengono concessi quattro minuti di recupero nel corso dei quali non c'è molto da segnalare, fatta eccezione per un tentativo da centrocampo di Arcidiacono parato da Aiolfi. Finice così 0-4, secondo poker consecutivo per l'Acr Messina che mantiene quattro punti di vantaggio sul secondo posto e, a tre giornate dalla fine del torneo, mette l'ennesimo mattoncino nella corsa alla promozione diretta.

Troina-Acr Messina 0-4
Marcatori: 22' pt Lomasto, 24' pt Aliperta, 19' st Cristiani, 23' st Cretella.

Troina: Aiolfi; Puleo (20' st Giuffrida), Neri, Mbaye, Ciccone; Di Grazia (28' st Palermo), Guerci, Kamara; Ficarrotta (23' st Dembele), Rizzo (12' st Padovani), Aperi (28' st Mascara). Allenatore: Giuseppe Mascara. A disposizione: Cantarero, Diara, Calaciura, Longo.

Acr Messina: Caruso; Mazzone, Lomasto, Boskovic, Giofrè; Cristiani, Aliperta (34' st Lavrendi), Vacca (43' st Arcidiacono); Bollino (33' st Oggiano), Foggia (26' st Manfrellotti), Cretella (26' st Crisci). Allenatore: Raffaele Novelli. A disposizione: Lai, Cascione, Sabatino, Cunzi.

Arbitro: Giorgio Di Cicco di Lanciano
Assistenti: Giovanni Boato di Padova e Matteo Gentile di Isernia

Ammoniti: Lomasto (M), Puleo (T), Ficarrotta (T), Cretella (M), Di Grazia (T), Mascara (T), Neri (T), Guerci (T), Dembele (T)

Corner: 5-3

Sezione: Acr Messina / Data: Dom 23 maggio 2021 alle 15:59
Autore: Antonio Billè / Twitter: @antobille
Vedi letture
Print