Il patron dell'Acr Messina Pietro Sciotto torna ai microfoni in un post gara e lo fa dopo la vittoria dei suoi nel big match contro il Football Club Messina. Il presidente giallorosso esalta la squadra e parla tanto della vittoria quanto dell'arbitraggio, protagonista di un episodio da moviola nel primo tempo in occasione di un penalty non concesso ai suoi per fallo di mano di un difensore avversario: "Un po' di sofferenza è normale perché quando una squadra sta vincendo ci sta che l'altra vorrebbe pareggiare. Conoscete la nostra squadra, sapete che gioca palla a terra e un bel calcio, posso dirlo, il migliore della serie D, quindi eravamo molto condizionati dal terreno. Era una partita difficile, siamo riusciti a fare gol e abbiamo contenuto. L'arbitro non ha dato un rigore scandaloso, che grida vendetta, quindi l'1-0 ci ha fatto soffrire fino alla fine".

Sofferenza, sì, ma anche grande merito secondo Sciotto, che non si scompone nell'analisi del match: "Nella partita d'andata meritavamo di vincere più di oggi. Oggi abbiamo condotto tranquillamente e loro ci hanno provato soprattutto su palle inattive, su punizioni o inventando, ma anche oggi il nostro gioco secondo me è stato superiore nonostante il campo ci abbia condizionato molto". Breve, invece, il passaggio sui tifosi, assenti allo stadio in virtù dei protocolli anti-Covid: "Mi dispiace molto perché potevo avere la soddisfazione di avere finalmente un pubblico come si deve, ma lo accettiamo e pazienza".

Non si sbilancia il presidente Sciotto sui singoli, quando gli viene posta la domanda sull'ottima prestazione del proprio portiere: "Caruso? Ha fatto la sua parte come tutta la squadra, è messo lì per difendere e parare e l'ha fatto regolarmente". Più netto, invece, nel parlare delle avversarie e del prossimo turno, che vedrà l'Acr Messina impegnato in trasferta sul campo della Gelbison: "Ora andremo in Campania per affrontare la Gelbison e cercheremo di giocare bene come sappiamo fare noi, senza guardare la classifica né gli altri. La vittoria di oggi vale tre punti contro una diretta concorrente e ci permette con più tranquillità di andare avanti e inseguire l'obiettivo prefissato".

Infine, una battuta sul percorso delle ultime settimane: "Da cinque o sei domeniche provo a dare la carica alla squadra. Sono molto contento da tutti i punti di vista, prima partivamo in modo più piatto, ma da sei, sette partite, abbiamo preso una linea diversa e scendiamo in campo più convinti e determinati, la squadra crede nei suoi mezzi. Poi ovviamente il pallone è rotondo e ci vuole sempre un pizzico di fortuna, però sicuramente la squadra è degna del posto che occupa".

Sezione: Acr Messina / Data: Dom 21 marzo 2021 alle 18:16
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print