Dal Giarre all’Igea in tre giorni. Due gare di prestigio e di grande difficoltà per la Jonica che, dopo il ko contro la formazione etnea, ha rivolto tutte le proprie attenzioni al match infrasettimanale di mercoledì a “D’Alcontres-Barone”.

“Il Giarre ha un organico che può ben figurare in serie D, con elementi di altra categoria. La nostra squadra, invece, si deve affermare in Eccellenza e per Santa Teresa non potrebbe essere diversamente”, ha dichiarato il presidente Domenico Saglimbeni, intervenuto su “Antenna Gol” per parlare della squadra giallorossa che è considerata la vera sorpresa del torneo: “Mercoledì giocheremo contro l’Igea e sappiamo che ha un buonissimo organico, ma cercheremo di dargli un po' di fastidio. Faremo la nostra partita, sapendo che è una squadra più attrezzata e, alla fine, si giocherà con il Giarre la finale per la D”.

Un obiettivo che il massimo dirigente lascia agli avversari, perché la Jonica pensa a confermarsi come realtà solida, anche grazie all’importante riqualificazione del campo sportivo, ora in sintetico: “Da Messina a Giarre non ci sono altre società in Eccellenza. Questo è un anno di rodaggio per ben figurare nel prossimo campionato. Qui c’è un piccolo stadio che speriamo di aprire al pubblico e cerchiamo di avere una squadra che possa dare spettacolo, che susciti interesse e chi viene a giocare contro di noi un po' ci deve temere”.

E già questa stagione la squadra del presidente Saglimbeni si è dimostrata un avversario ostico, con grinta, carattere, con tanti argentini di valore e che gioca in modo spensierato: “Non abbiamo un vero obiettivo. È un campionato che interessa più a chi punta alla serie D. La nostra è una piccola famiglia, siamo sempre stati riconosciuti per questo. Cerchiamo di andare avanti per ottenere qualche risultato e soddisfazione e teniamo a questa categoria, che è l’esatta dimensione per Santa Teresa”.

La Jonica, inoltre, si è distinta in campo, ma anche fuori, con il caso del portiere Romano punito per un atteggiamento anti sportivo di qualche settimana fa. Lo stesso estremo difensore, espulso con il Giarre, lascerà il posto al giovane Andrea Bartolotta, classe 2004: “Anche questa volta ci sarà qualche provvedimento – ha concluso Saglimbeni -. Ha avuto un comportamento non adeguato: ha preso la prima ammonizione sul 2-0 per sollecitare l’arbitro a riprendere il gioco mentre appuntava sul taccuino una sostituzione; il secondo, invece, è stato meritato sul fallo da rigore. Sicuramente giocherà il giovane portiere”.

Sezione: Eccellenza / Data: Mar 18 maggio 2021 alle 14:38
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print