Il Palermo vede la Serie C. Ma Arena non ci sta e (intanto) blinda Ferrante

Il presidente giallorosso ribadisce l’idea di un playoff per stabilire chi andrà tra i professionisti. Ruolo più sportivo per il dg il prossimo anno; Cosenza si occuperà delle questioni amministrative
12.05.2020 13:41 di Antonio Billè Twitter:    Vedi letture
Grabinski, Arena e Ferrante
Grabinski, Arena e Ferrante

Una conferma e la solita promessa di “battaglia”. Dall’ormai consueta diretta instagram, stavolta con il team manager Ciccio Alessandro, il presidente del Football Club Messina Rocco Arena annuncia che “Il direttore generale Marco Ferrante è stato confermato anche per la prossima stagione. Accordo raggiunto alla mezzanotte di venerdì. Avrà un ruolo prettamente più sportivo, mentre l’uomo che si occuperà di questioni gestionali e amministrative sarà Santi Cosenza. Sono strafelice di confermare di Ferrante - afferma Arena - perché è un amico, ma anche, da tifoso del Toro, uno dei miei idoli calcistici. Ora bisognerà capire solo che categoria ci vorranno dare: la nostra società ha dimostrato di meritare minimo la Serie C”.

E a tal proposito, il massimo dirigente giallorosso in settimana avrà un colloquio telefonico con il presidente della LND Cosimo Sibilia: “Ho chiesto chiarimenti con una pec in merito a tante questioni, ma da presidente dell'Fc Messina voglio capire come si sta muovendo la LND e come si vuole difendere dalle sparate delle altre categorie, come quella della LegaPro. Continuo a pensare che chi era matematicamente in corsa per la promozione, come noi che ancora avremmo potuto superare il Palermo, dovrebbe giocare un playoff. Non sarebbe giusto, anche nei confronti di Savoia e Giugliano, se i rosanero fossero promossi con otto giornate ancora da disputare e nelle quali sarebbe potuto accadere di tutto”.

In tema di presidenti che non si rassegneranno all’eventuale promozione anticipata del Palermo, Enrico Massimino, patron del Licata, in un’intervista concessa a Giuseppe Alesci al Giornale di Sicilia, spiega come “Le decisioni verranno prese nelle sedi opportune, anche se noi siamo sempre agguerriti e pronti a far valere le nostre idee. La società del Licata era e rimane sempre ambiziosa e se ci saranno i presupposti siamo pronti a qualsiasi soluzione”.

Il Palermo, forte dei 7 punti di vantaggio sul Savoia e addirittura a +17 sull’Fc Messina (quarto e appaiato al Troina), dopo un campionato condotto in testa alla classifica sin dalla prima giornata, vede il salto in Serie C a portata di mano. L’ufficialità arriverà dopo l’atteso Consiglio federale della Figc, programmato per lo scorso venerdì, ma rinviato per dar modo alle varie leghe di studiare a fondo le proposte da presentare alla Federazione.