Sul nuovo stop al campionato, delusione viene espressa dalle due società messinesi che si giocano il salto di categoria. Per l'Acr Messina, direttamente coinvolta perché domani avrebbe dovuto affrontare il Marina di Ragusa colpita dal caso Covid, ha parlato il direttore dell'area tecnica, Cocchino D'Eboli: “E' una tegola caduta dal cielo, non capiamo questo comunicato che parla di data da destinarsi, ma con la problematica che riguarda questo giocatore del Marina bisogna attendere i tempi tecnici – ha detto intervenendo su “Goal Sicilia” - . Stiamo aspettando il comunicato, bisogna rispettare le leggi del Covid, dovranno rispettare i giorni di quarantena. Arriveremo a luglio? Si rischiano proroghe su proroghe anche per l'iscrizione in C. Ora bisogna capire la data vera di questa data da destinarsi e poi tutte le società dovranno capire il da farsi. Capite quanto sia stato falsato questo campionato? Ma se nel frattempo succede a qualche altra squadra, dove andiamo a finire? Aspettiamo altri dieci giorni? Dicono che entro domani ci daranno le date, ma ora bisogna spostare totalmente l'ultima giornata, far recuperare le partite di domani e poi disputare l'ultima. Un discorso che si incrocia anche con i deferimenti delle sentenze. Ma questo che calcio è? Non si possono cambiare leggi e calendari in corso. Oggi sarebbe corretto cristallizzare la classifica e non lo dico perché sono parte in causa, ma perché è giusto così e c'è già il precedente dell'anno scorso. La pandemia è incontrollabile, se tra una settimana esce un altro positivo di un'altra squadra che facciamo? Ci fermiamo di nuovo? Il Marina adesso non si potrà allenare per dieci giorni e a quel punto prima di giocare dovranno passare almeno 14/16 giorni. In ballo ci sono i sacrifici di società che hanno messo soldi veri e dalla Lega ordinano muovendo una bacchetta. Verrà la fine del mondo in questo girone, lo posso assicurare. Spero che mettano il cervello al proprio posto quelli che gestiscono il calcio perché così non si può andare avanti”.

Scontento anche il dg dell'Fc Messina, seconda a due punti, Marco Rizzieri: “Una tegola in testa per noi, ma per tutti. Un campionato che è un'Odissea. Spero che adesso tolgano i playoff, chi vince vince, chi perde perde e basta così. Campionato compromesso per chi deve salvarsi e vincere. Siamo messi male. Siamo tutti penalizzati, è un danno per tutti. Non so quando si ripartirà e come, una situazione che crea problemi e accontentare tutti non sarà semplice. A fine giugno dovevamo finire, sarà complicato prolungare contratti e assicurazioni. Ora mi auguro solo che tolgano i playoff, perché sarebbe l'ennesimo danno economico. Poi entro il 28 era in programma l'iscrizione in C. Un disastro generale. Per l'Acr che è prima ma che aveva due partite difficili e per noi che inseguiamo”.

Sezione: Serie D / Data: Mar 15 giugno 2021 alle 17:23
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print