Evangelista Cunzi ci ha messo poco a mostrare le proprie qualità e inserirsi negli schemi dell’Acr Messina. Esordio con gol a Castrovillari, bissato anche in casa contro il Dattilo e un inserimento in gruppo che è stato anche più veloce di quanto previsto dal tecnico Novelli: “Non mi sarei aspettato questo debutto ma sapevo di essere arrivato in un grande gruppo e ho cercato subito di inserirmi dopo l’infortunio di Addessi. Si doveva sopperire ed è andata bene. Conoscevo tanti giocatori, il loro valore umano e c’era un rapporto anche al di fuori del calcio che ha aiutato a inserirmi”.

Proprio il 2-0 firmato da Cunzi sembrava aver chiuso la gara contro il Dattilo, che si è confermata squadra ostica e, anzi, nel finale ha costretto i giallorossi a soffrire più del previsto: “Sono partite difficili, ogni gara ha le sue insidie, era la seconda in tre giorni e non era facile. Affrontare un avversario molto organizzato non è stato semplice all’inizio, ci è mancato l’episodio che fortunatamente nella ripresa”.

Un successo che permette all’Acr Messina di allungare in classifica, ma anche per l’attaccante non si può parlare di giornata decisiva per le sorti del campionato: “Mancano otto partite e ho visto una squadra proiettata partita per partita. È giusto giocare così e guardare la classifica solo alla fine e non abbassare mai la guardia. Abbiamo tanti giocatori importanti, sono molto felice di far parte di questo gruppo, concentrato verso un obiettivo e che fa di tutto per arrivarci. Sono felice della scelta che ho fatto”.

Sezione: Acr Messina / Data: Mer 14 aprile 2021 alle 19:57
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print