Pari che non lascia soddisfatti l’Acr Messina e mister Raffaele Novelli, bloccato sull’1-1 dal Licata. Primo tempo non positivo, mentre nella ripresa è arrivata la giusta reazione anche grazie alle quattro sostituzioni nei primi 10 minuti, come mai si era visto: “I cambi vanno fatti quando ci sono le condizioni, non per moda. Abbiamo incontrato qualche difficoltà a trovare spazi. Dobbiamo scrollarci questa tensione, perchè sarà così fino alla fine. Dobbiamo fare tesoro di quanto successo nella prima parte, nella seconda abbiamo creato superiorità numeriche, siamo arrivati diverse volte alla conclusione, ci sono stati annullati due gol, due falli di mano dubbi. Dobbiamo trovare qualcosa di diverso in alcuni momenti, perchè mercoledì sarà una partita più difficile rispetto a oggi e bisognerà fare meglio sin dall'inizio”.

Come a Troina, l’Acr ha faticato all’inizio e nelle prossime due giornate affronterà Marina di Ragusa e Città di Sant’Agata alla ricerca di punti salvezza: “Oggi non ci sono stati regali, anzi non c'erano neanche palloni in campo. Giustamente si onora il campionato, perché sono i valori dello sport. Non cambia se una squadra è salva o no”, ha aggiunto mister Novelli, che ha cercato anche di calmare la squadra per evitare nervosismi: “Normale che la squadra voglia vincere e ci sia tensione. L’importante è non farci male perché possono esserci difficoltà. È uno sfogo finale e si riparte. In campo i giocatori se ne dicono tante, ma quando tutto finisce dobbiamo tornare con la mente fredda a distaccarci”.

Gara difficile contro un Licata che, pur salvo, non ha concesso nulla e, anzi, ha cercato sempre di strappare i tre punti: “È giusto che si sia onesti e corretti. Con questi valori si vede un calcio più pulito e onesto. Tutti dovrebbero avere questi valori, le partite vanno giocate e non ci ha regalato niente nessuno. Siamo caduti e ci siamo rialzati con le nostre forze. Oggi c’è rammarico, ma rimangono due partite e anche se avessimo vinto avremmo dovuto vincere anche l'altra. Non cambia niente, ma se alleni la mente a vivere queste partite non ti illudi di chiuderla prima perchè ci sono variabili e situazioni durante le partite che devi essere bravo a capire”.

Il campionato resta aperto, forse proprio fino all’ultimo minuto dell’ultima giornata, come ha sempre ripetuto proprio mister Novelli: “I capelli bianchi e anni esperienza mi portano a ragionare in modo diverso. Il campionato è molto equilibrato, ora prepariamo la gara con il Marina di Ragusa con una tranquillità diversa e mettendo tutte le nostre forze positive che dovremo mantenere fino all'ultimo secondo dell'ultima giornata”.

Sezione: Acr Messina / Data: Dom 13 giugno 2021 alle 20:53
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print