Una trasferta nel cosentino persa per 3-2 dopo essere stati sotto per 3-0, pur non essendo prototipo della domenica perfetta per i tifosi biancoscudati, potrebbe riportare alla mente comunque ricordi dolci (con il senno di poi) provenienti dalla stagione 2012/13, quella dell'ultima promozione giallorossa dalla Serie D. Era il 9 dicembre 2012 quandi il Messina di Catalano andava al San Vito di Cosenza e perdeva 3-2 (2-0 nella prima frazione), con una rimonta solo sfiorata ma un'importante iniezione di fiducia per il prosieguo della stagione.

Mettendo da parte la cabala e passando ai freddi numeri, però, va sottolineato come questa sia la seconda sconfitta stagionale per l'Acr e la prima partita in cui Lai ha subito tre reti e, più in generale, la terza occasione in cui ha raccolto più di un pallone dalla propria porta. Sarebbe servito un altro primato stagionale a Sabatino e compagni per pareggiare, ovvero la prima volta con tre reti all'attivo, invece per la quinta volta stagionale il bottino si ferma a due, con Aliperta che diventa l'ottavo calciatore a segno in stagione. Quelle di Cristiani e Lomasto, infine, sono la quarta e la quinta espulsione in questo torneo, dato allarmante con una media di quasi 0.4 rossi a match.

Due espulsi anche nella Marina di Ragusa contro una Polisportiva Santa Maria che chiude una settimana negativa con un punto in due gare ma, soprattutto, con quattro gol al passivo contro i sei subiti nelle prime undici giornate, diventando così la settima difesa del torneo. Tra i campani, oltre al solito gol di Maggio (per lui doppia cifra in campionato), doppietta di Tandara, la seconda dopo quella rifilata al Rotonda. Gli iblei restano vivi con la giornata di grazia di Pietrangeli, alla prima doppietta tra i "grandi" dopo l'unico gol in carriera segnato il 12 gennaio dell'anno scorso contro il Corigliano. Marina adesso fanalino di coda, ma per la squadra di mister Utro l'ultima sconfitta è datata 1 novembre: dal ritorno in campo in poi, quattro pareggi e tre gare da recuperare.

Fa rumore nell'alta classifica il tonfo esterno dell'Acireale sul campo del Paternò: terzo ko in campionato per i granata, il secondo nelle ultime tre gare giocate, in cui Savanarola e compagni hanno raccolto solo un punto. Esultano, dal canto loro, i rossazzurri di mister Catalano che, dal ritorno in campo a dicembre, hanno subito solo tre reti raccogliendo tre successi, due pareggi e una sconfitta. Momento decisamente positivo anche per la Gelbison con Uliano che fa volare i suoi ed eguaglia il record personale di sette gol stagionali stabilito lo scorso anno, facendo incappare il Castrovillari nella sua prima sconfitta interna stagionale. Pericoloso mal di gol per i calabresi, a segno una volta nelle ultime tre gare, ma a parziale scusante c'è il fatto che ieri hanno disputato la loro seconda gara nel 2021

Dopo due partite, zero punti e otto gol sul groppone, arriva il primo pari per Mimmo Giampà sulla panchina di un Sant'Agata che torna a non subire reti per la prima volta dopo la seconda giornata (4 ottobre, 1-0 contro il Marina di Ragusa). Dopo quattro sconfitte consecutive si muove la classifica contro un Troina che, nel 2021, ha subito solo il gol di Leveque nell'1-1 contro il San Luca e con il pari con i santagatesi porta a tre le gare di fila con la porta inviolata.

Sezione: Serie D / Data: Lun 25 gennaio 2021 alle 08:26
Autore: Gregorio Parisi / Twitter: @wikigreg
Vedi letture
Print