Il mantra di mister Raffaele Novelli sta tutto nella parola “equilibrio” e, quindi, non sorprende che l’allenatore biancoscudato affronti anche il match di domani contro il Football Club utilizzando termini e concetti praticamente simili alle vigilie di impegni contro Sant’Agata, Rotonda o Troina: “Domani non conta la classifica o il clima da stracittadina, è una partita come tutte le altre in questo girone di ritorno che valgono sei punti solo perché si è già disputata l’andata, ma comunque, ci sono ancora tanti turni da giocare. Entreremo in campo concentrati e con la consapevolezza che affrontiamo una ottima squadra. Sicuramente rispettando ma non temendo l’avversario di turno, come abbiamo sempre fatto.”

Novelli non si sbottona nemmeno, come sempre succede nelle sue interviste del sabato, sui nomi di chi sarà chiamato a far parte dell’undici iniziale: “Deciderò un’ora e mezza prima dell’inizio, in base alle condizioni del campo, visto che è prevista pioggia, di sicuro potremmo cambiare gli interpreti, ma non le nostre idee di gioco che sono quelle e non è il caso di modificarle per una sola gara, anche se importante. Per quanto riguarda le implicazioni di classifica, ho sempre detto, e lo ripeto, che, dopo l’ultimo secondo della giornata finale, alzeremo la testa e vedremo dove siamo arrivati. Fino a quel momento, dobbiamo trattare allo stesso modo qualunque squadra che affronteremo, lottando su ogni millimetro di campo con determinazione e conoscendo la nostra forza. Solo così potremo superare le difficoltà di questo campionato.”

L’allenatore nato a Salerno si sofferma, poi, sul Football Club: “Non ci snatureremo, anche se loro hanno giocatori grandi individualità, ma li abbiamo anche noi. Dobbiamo essere bravi a limitare le loro qualità e accentuare i difetti, come fanno gli altri quando ce li troviamo di fronte. Bisogna avere la testa libera, serena, osare, senza farsi prendere dalla frenesia, dall'ansia, dalla tensione. Ansia e tensione servono quando ti stimolano a dare il meglio e non riducono le energie nervose. Sarà importante mantenere la nostra identità indipendentemente dall’atteggiamento che gli avversari terranno in campo. Abbiamo lavorato per ovviare sia alla loro aggressività, che alla eventuale mancanza di spazi. Parte tutto dalla testa, dalla serenità e maturità di provare a colpire al momento giusto. Preferisco più un calciatore che prova a puntare in fase offensiva e magari sbaglia i tempi, piuttosto di chi resta a metà strada.”

Novelli non ha nemmeno trovato criticità nella sosta del campionato: “Queste due settimane sono passate subito, perché abbiamo lavorato con entusiasmo, piacere e passione. La sosta può essere pesante se non hai la giusta forza e consapevolezza o i requisiti che creano il clima giusto. Queste sono partite che sono sempre piacevoli da giocare, ma nello stesso tempo, non sono sfide senza futuro. Ho vissuto tanti derby da protagonista, anche se l’assenza di tifosi toglie l’ingrediente della passione da parte di chi vive la settimana in funzione della squadra, magari risparmia 20-30 euro per andare in trasferta e, purtroppo, adesso, deve stare lontano dallo stadio. In TV o sullo schermo di un computer non è la stessa cosa. Inoltre, nelle poche occasioni in cui, fuori dal campo, sono riuscito a parlare o a entrare in contatto con qualche tifoso del Messina ho capito quanta partecipazione ci sono verso questa squadra e verso i colori che noi rappresentiamo. Per noi questo è un fattore che rende diversa la vigilia di un tipo di sfida del genere, ma una squadra deve vivere di continuità, non può farsi condizionare da questo o percepire differenze tra gli avversari. E poi, stiamo attraversando una fase di crescita, quindi, ogni partita è una occasione per testare la nostra maturità, crescita, autodeterminazione. Non abbiamo cambiato registro nemmeno nella consueta scaletta degli impegni con la stampa o i media. La società ci è sempre stata vicina in tutto il campionato nel modo corretto e questo è un aspetto fondamentale che, alla lunga, farà la differenza. “

Diramata nel tardo pomeriggio la lista dei convocati da Raffaele Novelli, che non ha elementi infortunati o squalificati in rosa e preferisce, quindi, tenere tutti e 27 elementi a disposizione sulla corda fino alle ore immediatamente precedenti al fischio di inizio che sarà dato alle 14.30 dal signor Domenico Mirabella di Napoli, coadiuvato da Emanuele Fumarulo di Barletta e Pio Carlo Cataneo di Foggia. (Diretta tv su Rtp e in streaming sui canali Facebook dell’emittente e della Gazzetta del Sud)

Portieri: Caruso, Lai, Lima

Difensori: Bellopede, Boskovic, Cascione, Daniello, Giofrè, Izzo, Lomasto, Polichetti, Sabatino

Centrocampisti: Acquadro, Aliperta, Crisci, Cristiani, Lavrendi, Mazzone, Saindou, Vacca

Attaccanti: Addessi, Arcidiacono, Bollino, Cretella, Foggia, Garofalo, Manfrellotti

Probabile formazione: Caruso; Cascione, Lomasto, Sabatino, Giofrè; Cristiani, Aliperta, Vacca; Addessi, Foggia, Cretella.

Sezione: Acr Messina / Data: Sab 20 marzo 2021 alle 17:58
Autore: Davide Mangiapane / Twitter: @davidemangiapa
Vedi letture
Print